Vanhee: flash e onsight, nel Peak, dove di solito non riescono (perchè è pericoloso)

766

3229 / 5000

Sieb Vanhee è riuscito in uno dei rari “storming” sul gritstone inglese

Tra la fine di ottobre e l’inizio di novembre, l’alpinista belga Siebe Vanhee ha fatto una rara visita nel Regno Unito e, in particolare, nel Peak District National Park. Con meno di tre settimane per assorbire l’esperienza del gritstone, è andato in missione per arrampicare il più possibile e incontrare alcuni dei migliori scalatori della zona per uscire e scoprire cos’è il gritstone. Nonostante fosse dotato del tipico clima inclemente britannico, Siebe è stato in grado di portare a casa una lista più che rispettabile per il suo primo vero viaggio al gritstone, tra cui una rara salita di Parthian Shot e una falsata della mitica Gaia, quella del terribile volo di Jean Minh Thrin Thieu nel primo video sul grill inglese

Siebe commenta: “Molti anni fa mi sono detto che avrei fatto un grande viaggio di arrampicata tradizionale nel Regno Unito. Avrei viaggiato dal Peak District al Lago, a Pembroke, in Scozia, nel Galles del Nord, nel Devon, a Gogarth e molti altri. Ho sognato scalare le linee più classiche e storiche e avere un assaggio di questa forte cultura trad-climbing britannica. Quest’anno ho potuto, almeno, iniziare questo ambizioso progetto, con l’aiuto del regista Andrea Cossu. Avremmo visitato l’Inghilterra e catturare l’essenza dell’arrampicata di Gritstone e della sua gente, dando vita a un progetto di riprese che chiamiamo “Friends of the Grit”. Questo viaggio di due settimane e mezzo nell’ottobre 2021 ha portato a un viaggio interessante, regalandoci l’esperienza Gritstone completa. Abbiamo fatto una grande quantità di arrampicate se incontri stimolanti.

Ma anche; tanta roccia bagnata, birre al pub e sessioni di arrampicata indoor al Climbing Works e alla sala di Ben Moon. Salite e chiacchiere, ecco a cosa puntavamo, mi spiego. Le salite che mi ero prefissato erano delle classiche dure come The New Statesman, Parthian Shot ed Equilibrium. Le chiacchiere, per conoscere la storia e l’etica, le farei con qualsiasi locale che riuscissi a trovare, ma soprattutto con qualche mito e forti scalatori di gritstone. Ho incontrato Pete Whittaker, Sam Whittaker, Jim Pope, Ben Heason, Franco Cookson, John Dunne e ho anche avuto una telefonata con Johnny Dawes. Come tutti sappiamo, il Regno Unito può avere una buona dose di maltempo e pioggia. È stata sicuramente una sfida fare delle buone vie, ma con un atteggiamento proattivo e un’elevata motivazione ho colto ogni occasione che potevo cogliere per uscire.

Il vantaggio del gritstone è che asciuga molto velocemente. Lo svantaggio è che per l’arrampicata dura, hai davvero bisogno di condizioni fredde e asciutte. Purtroppo non sono mai arrivate e due delle tre vie della mia lista non sono riuscito a salirle. Tuttavia, con l’aiuto della gente del posto che mi ha mostrato la roccia asciutta e le migliori linee, sono riuscito a scalare una buona lista di classiche e a sperimentare le caratteristiche chiave di questo posto. Ho trovato risposte alle mie domande; Perché quella forte etica? Da dove vengono? Che cos’è la “teoria della caduta”? E questo strano sistema di valutazione? Quale mentalità è l’arrampicata più efficace su questa roccia, in questo stile senza rompersi una gamba? Perché non scalare da solo? È davvero così pericoloso? … In questo momento, dovrò deludervi e non condividere le risposte alle mie domande. Queste caratteristiche e storie di Gritstone verranno rilasciate nel film “Friends of the Grit”, in uscita la prossima primavera 2022 sui canali Wild Country ed Epic TV, accompagnate dalla storia scritta completa. FOTO ANDREA COSSU

Comments are closed.