Il muro liscio di Tokyo farà scuola?

1.182

E’ la prima volta in assoluto che una gara internazionale di boulder si svolge su un muro privo di buchi (e di ragnetti sul lato opposto) affidando a volumi e a prese avvitate l’intera tracciatura. Questa tipologia di lavorazione potrebbe abbattere un po’ i costi dei pannelli e in generale rinforzare le strutture; nel contempo una maggiore usura della parte superficiale del muro nel lungo periodo sarebbe inevitabile. E’ comunque una soluzione super per i muri “metti e togli” che si usano solo per le competizioni periodiche o per i noleggi.

Comments are closed.