Ciavaldini fa la seconda femminile di Voyage 8b+ trad ad Annot

389

Si tratta della prima trad dura aperta da Pearson in Francia e ripetuta, tra gli altri, da Barbara Zangerl

Mercoledì 8 novembre 2023, la climber francese Caroline Ciavaldini ha ripetuto “Le Voyage” (E10 7a/ 8b+) ad Annot, in Francia. FOTO RAPHAEL FOURAU
La via, aperta per la prima volta dal marito di Caroline, James Pearson, nel 2017, ha visto una sola salita femminile, quella di Barbara Zangerl.
Questa salita segna la prima volta che Caroline sale il grado E10 e la colloca tra le pochissime donne che sono riuscite a salire una via trad di questo livello.
La rara salita di Caroline arriva due anni dopo essere diventata madre per la seconda volta.


Caroline ha condiviso la storia della sua salita:
“Mi sto riposando alla sosta intermedia, a 2/3 di “Le Voyage”. Per la prima volta, ho superato il secondo crux, un boulder di 7A+ molto lungo e tecnico, pochi metri sopra la mia ultima protezione, un RP n. 6. Poco prima di iniziare il crux, ho sentito James, Arthur di 4 anni e Zozo di 2 anni che mi incitavano dal basso. James e i bambini si erano nascosti prima, forse perché James sperava di darmi più spazio per concentrarmi, visto che Zozo oggi mi chiede costantemente di farlo. Ma prima del passaggio cruciale, volevo che fossero presenti. Essere mamma disturba l’arrampicata, ma allo stesso tempo loro sono la mia gente. Guardo anche Raph, che è appeso a una statica…

ggi è qui perché doveva filmare James in “Bon Voyage”, la sua ultima via difficile, e ne ha approfittato per filmare il mio tentativo. Ci sono anche Carl e Antoine, che assicurano e riprendono dal basso. Carl ha fatto qualche battuta leggera mentre mi infilavo le scarpette da arrampicata, e io ero super consapevole che stava cercando, e ci stava riuscendo, di creare l’atmosfera giusta per me. È davvero importante per me avere queste persone qui oggi. Sento che mi spingono dolcemente verso l’alto.
Ho fatto la cosa più difficile e mi ci sono voluti 2 anni per arrivare dove sono oggi. 2 anni per riprendermi dal bambino numero 2, con l’aiuto costante di Maddie Cope e Lattice. La gravidanza, dicono, non è un infortunio… Io direi che è molto peggio per l’arrampicata di qualsiasi puleggia (ne ho avute due) o altro infortunio da scalatore.
“Le Voyage” termina con un’ultima sezione facile su roccia piuttosto brutta e una fessura finale intorno al 7b+, dalla quale ci si odierebbe se si cadesse… eppure si potrebbe. Mi riposo e cerco di incanalare il mio dialogo interno. Ho le carte in regola, ma ho bisogno di arrampicare bene. Le emozioni sono sempre lì… paura di fallire, paura di rompere una presa e fallire, paura di stringere troppo, di scivolare… Il mio cervello non si ferma, proprio come ha fatto nella sosta prima del passaggio cruciale. È passato così tanto tempo dall’ultima volta che mi sono impegnata così tanto che non so cosa facevo prima di diventare mamma. Ho sempre avuto questo dialogo interno?

“Le Voyage” è il mio progetto più lungo in assoluto. 2 anni. Ma allo stesso tempo, come genitore che arrampica, devi prendere le cose in modo diverso. Non ci sono molti tentativi in una giornata di arrampicata… tecnicamente, ne ho solo uno al momento in cui Zoellie dorme. Quando era più piccola abbiamo fatto la sosta con lei dietro in un marsupio, ma ora non funzionerebbe più. Si controllano sempre le previsioni del tempo, ma bisogna sempre bilanciare i propri obiettivi con la vita della famiglia. Hai bisogno di molta più pazienza, ma sei anche molto più paziente perché è questo che ti insegnano i bambini. La vita familiare ti dà più ritmo e questo è stato positivo per l’allenamento. Ho dovuto allenarmi molto per tornare al mio livello precedente… poi ho rinforzato le spalle perché “Le Voyage” è così impegnativo. Ho anche fatto un allenamento specifico per le gambe. Non sono mai stato così specifico. Ma non credo di essere stata ossessiva. Non posso. Perché sono ancora una mamma. La prima? Non lo so… sicuramente a volte ho rubato del tempo ai miei figli per allenarmi. Sono un po’ egoista. Ma mi ha reso molto felice creare quello spazio per la mia arrampicata. Mi ha fatto tornare a essere Caroline.

Anche il senso di colpa, il senso di colpa della mamma, è presente nel mio dialogo interno. E dopo mesi di questo tipo, ho preso la decisione di trovare un mental trainer. L’ultima volta che ne ho avuto uno ero un’arrampicatrice da competizione di Coppa del Mondo. Per anni ho ritenuto di essere autosufficiente, ma per questa via ho capito che chiedere l’aiuto di persone (le persone giuste) mi renderà più forte. Angus di Strong Mind mi ha aiutato ad ascoltare, accettare e incanalare tutto questo dialogo interno. Avevo molta paura di cadere e l’abbiamo risolta molto velocemente. Ho ancora il dialogo, ma invece di dare di matto quando il mio cervello inizia, ascolto, seleziono e uso ciò che è utile. Mindfulness, questa è la parola giusta.
Soprattutto Maddie, Angus, ma anche Carl e James mi hanno aiutato a godermi l’intero processo. Ne vale la pena solo se mi godo tutto, anche i dubbi. A volte è un “divertimento di tipo 2”, come dicono gli inglesi… Quando avevo il terrore di cadere sul primo passaggio, quello era un divertimento di tipo 3. Non mi sono divertito quando è successo, né quando l’ho visualizzato. Sono riuscito a divertirmi solo quando ho eliminato l’emozione dalla mia visualizzazione. Ho lasciato la sensazione dei movimenti, ho cercato di essere vuota o, meglio ancora, di godermi la paura, e così è stato. È scattata la molla e all’improvviso ho potuto essere nella mia arrampicata e godermi la maggior parte di essa.

A un certo punto, ricomincio ad arrampicare. Non che sia perfetto, ma non posso procrastinare all’infinito. In qualche modo, eseguo gli ultimi movimenti nel modo giusto e so che per gli ultimi due movimenti devo godermi tutto. Ho finito “Le Voyage”, la mia via trad più difficile di sempre. Quando l’ho salita per la prima volta, 5 anni fa, non riuscivo nemmeno a fare tutti i movimenti ed ero consapevole che questo stile tecnico e boulderoso non era il mio punto di forza. All’epoca non avevo figli, James aveva appena aperto la via e mi sembrava irraggiungibile. Ho iniziato a pensarci solo dopo la nascita di Zozo. Mi piace molto vedere che i miei limiti mentali sono cambiati. La mia pazienza è aumentata. È ora di essere orgogliosi di me stessi.
Grazie mille a Maddie e Lattice per l’allenamento, ad Angus per il training mentale, a Carl per l’assicurazione e l’amicizia, a James per tutto, ai miei figli per la pazienza, a Marie per il babysitting, a Emmanuelle per la fisioterapia, a The North Face e Respire performance per il programma NSP, a La Sportiva, Wild country , Sunn e Glorify, e a tutte le mie persone che mi spingono in alto ogni giorno!”.

On Wednesday the 8th of November 2023, French climber Caroline Ciavaldini repeated ‘Le Voyage’’ (E10 7a/ 8b+) in Annot, France.
The route, first established by Caroline’s Husband James Pearson in 2017, has seen only one previous female ascent, from Barbara Zangerl.
The ascent marks the first time Caroline has climbed the E10 grade and places her among a very small handful of women to have ever succeeded on a trad-route at this level.
Caroline’s rare ascent comes two years after becoming a mother for the second time, making this ascent and Caro’s journey all the more impressive.
Caroline shared this story of her ascent:
“I am resting at the middle break, 2/3 up “Le Voyage”. For the very first time, I have passed the second crux, a very long and technical 7A+ boulder, quite a few meters above my last protection, a No. 6 RP. Just before beginning the crux, I heard James, 4-year-old Arthur, and 2-year-old Zozo cheering me from below. James and the kids were hiding before, maybe because James was hoping to give me more space to focus, as Zozo constantly asks for me today. But right before the crux, I wanted them to be there. Being a mom is disturbing for your climbing, but at the same time, they are my people. I also look straight up at Raph, who is hanging on a static… He is here today as he was supposed to film James in “Bon Voyage,” his latest hard route, and has made the most of it to film my attempt. Carl and Antoine are here too, belaying and taking more video from below. Carl made some light jokes as I was putting my climbing shoes on, and I was super aware that he was trying, and succeeding, to create just the right mood for me. It does really matter to me to have these people here today. I can feel them gently pushing me up.
I have done the hardest by far, and it has taken me 2 years to be where I am today. 2 years to get back from baby number 2, with the constant help of Maddie Cope and Lattice. Getting pregnant, people say, isn’t an injury… I would say it’s way worse for your climbing than any pulley (I had 2) or other climber’s injury.
“Le Voyage” finishes with a last easy section on fairly bad rock and a final crack around 7b+, from which you would hate yourself if you fell… yet you could. I am resting and trying to channel my internal dialogue. I have what it takes, but I need to climb well. Emotions are always there… fear of failing, fear of breaking a hold and failing, fear of over-gripping, of slipping… My brain won’t stop, just like it did at the rest before the crux. It’s been so long since I was last trying so hard that I don’t know what I was doing to sort that before being a mom. Did I always have all this internal dialogue?
“Le Voyage” is my longest project ever. 2 years. But at the same time, as a climbing parent, you have to take things differently. You don’t get many attempts on a climbing day… technically, I only get one at the minute when Zoellie snoozes. We have belayed on lead with her in the back in a baby carrier when she was smaller, but that wouldn’t work now. You check the weather forecast all the time, but you still have
to balance your goals with the family’s life. You need so much more patience, but you are also so much more patient because that’s what babies teach you. Family life gives you more rhythm, and that has been good for training. I have had to train so much just to get back to my former level… then reinforce my shoulders because “Le Voyage” is so demanding. I have even done some specific leg training. I have never been as specific. But I don’t think I have been obsessive. I can’t. Because I am still a mom. First? I don’t know… for sure maybe sometimes I have been stealing some time from my children for my training. I am somewhat selfish. But it’s made me very happy to create that space for my climbing. It has made me be Caroline again.
Guilt, mom’s guilt, is also on the menu in my internal dialogue. And after months of that, I had taken the decision to find a mental trainer. The last time I had one, I was a World Cup competition climber. I had then considered for years that I was self-sufficient, but for this route, I have realized that asking people’s (the right people) help will just make me stronger. Angus from Strong Mind has helped me listen, accept, and channel all this internal dialogue. I had a lot of fear of falling, and we sorted that, so fast. I still have the dialogue, but rather than freaking out when my brain begins, I listen, I sort, and I use what is useful. Mindfulness, that’s the word.
Most of all, Maddie, Angus, but also Carl and James have helped me enjoy the whole process. It is only all worth it if I enjoy it all, even the doubts. Sometimes it’s “type 2 fun,” as the Brits say… When I was terrified of falling on the first crux, that’s type 3 fun. I didn’t enjoy it when it happened, nor when I visualised it. I only managed to enjoy it when I actually removed the emotion from my visualisation. I just left the sensation of the movements, tried to be blank, or even better, enjoy the fear, and that was it. It clicked, and suddenly I could be in my climbing and enjoy most of it.
At some point, I begin climbing again. Not that it feels perfect, just, I can’t procrastinate forever. Somehow, I am executing the last movements just right, and I know that for the last 2 movements, I must just enjoy it all. I have finished “Le Voyage,” my hardest trad route ever. When I first went up it 5 years ago, I couldn’t even do all the movements, and I was aware that this technical, bouldery style wasn’t my best point. I had no children at the time, James had just opened the route, and it seemed unattainable. I only began thinking of it after Zozo was born. I really love to see that my mental limits have changed. My patience has increased. Time to be proud of myself.
Thanks a lot to Maddie and Lattice for the training, Angus for the mental training, Carl for the belaying and friendship, James for everything, my children for their patience, Marie for babysitting, Emmanuelle for the physio, The North Face and Respire performance for the NSP program, La Sportiva, Wild country , Sunn and Glorify, and all my people who push me up every day!”

Comments are closed.