Ceria nella Zillertal, grandi blocchi e un bel video

248

Niccolò Ceria, nostro storico collaboratore, globe-trotter e top climber, con all’attivo una delle rarissime ripetizioni di Gioia 8c+, racconta il suo viaggio in Zillertal, Austria…

La Zillertal è una valle pittoresca e meravigliosa tra le montagne tirolesi, in Austria. È stata ampiamente sviluppato da Gerhard Horhager e Markus Schwaiger. Questa valle ha avuto negli anni una fama mondiale, sia per il boulder che per l’arrampicata sportiva. Nonostante sia una meta classica relativamente vicina a dove vivo (6 ore di macchina), non ho avevo avuto occasione di visitarla. La mia conoscenza di Zillertal era davvero molto scarsa. Ricordo di aver sentito delle notizie e di aver visto alcuni video riguardanti “Incubator” (aka il vecchio progetto di Jerry che è stato finalmente messo in piedi da Markus Schwaiger nel 2003, quando ho iniziato a scalare). Questo problema è molto popolare; è una di quelle linee che simboleggiano un’area come “Mandala” fa per Bishop o “Shosholoza” per Rocklands.

Oltre a questo masso, non sapevo molto di questo posto e, prima di andarci per due settimane con il mio amico Matteo, ho evitato di sfogliare video e contenuti web. La mia intenzione era di lasciare che la vera esperienza giocasse un ruolo più ampio, cosa non facile al giorno d’oggi quando viaggi in una zona popolare. Non avere aspettative / idealizzazioni virtuali mi ha portato a godermi i primi contatti con il territorio come un impatto davvero puro. Questo modo di avvicinarsi non è stato qualcosa che ho scelto, ma più come una cosa spontanea da fare per questo viaggio. Matteo aveva una guida che ci guidava attraverso tutti i settori già sviluppati in passato. Volevamo davvero essere lì per visitare e conoscere una zona che è un classico, ma per noi era “nuova”. Quindi abbiamo passato molte ore a fare escursioni, guardando molti pezzi di roccia e controllando le linee; la nostra scalata è stata finalmente guidata dai problemi più stimolanti; alcuni di loro erano nascosti nelle foreste, mentre altri si stabilirono sulle rive del fiume.

Durante la prima sera ci siamo imbattuti in una prua lungo il fiume che sembrava essere incontaminata. Questa zona e il luogo in cui si trova avevano dei colori incredibili: le acque turchesi dello Ziller (il fiume che dà il nome alla valle) fluiscono armoniosamente attraverso alcune rocce grigio chiaro che si sono formate durante migliaia di anni di incessante azione. La foresta sul retro mostra le loro profonde sfumature di verde e il granito levigato è ricoperto da alcuni licheni arancio / rossi.

In seguito abbiamo scoperto di essere stati i primi scalatori ad aprire questa linea. La roccia ha impiegato un po ‘ad asciugarsi bene dall’umidità dei licheni (li ho spazzolati un po’ e poi ho usato principalmente l’acqua con un semplice pennello). Mentre mi sentivo profondamente dentro un dipinto, “Faber Castell” è venuto fuori come un nome spontaneo da dargli.

Questo video raccoglie le battute che mi sono piaciute di più. Ognuna di esse è molto diversa dall’altra per stile, forma, salita, posizione e storia. Considerando anche il grande potenziale per l’arrampicata trad e sportiva, questa valle ha sicuramente molti modi attraverso i quali gli alpinisti possono esprimere se stessi e le loro visioni ‘.

Comments are closed.