Vanhee e Berthe ripetono “The Fly” 8c

921

Lunedì 14 giugno, il duo belga Siebe Vanhee e Sébastien Berthe hanno effettuato con successo una salita dal basso in libera dei 20 tiri (550 m)  d”i FLY” 8c sulla Staldenfluh nella Valle di Lauterbrunnen, Svizzera. Le foto sono di Julia Cassou

Riportiamo volentieri il racconto di Siebe Vanhee e ci complimentiamo con entrambi i fuoriclasse belgi per la rapida salita. Ma non possiamo astenerci dal sottolineare che “Slowly I found the beta, brushed and marked all the holds to make it look like a climbable piece of rock” cioè “piano piano ho trovato la beta, spazzolato e segnato tutti gli appigli per farlo sembrare un pezzo di roccia arrampicabile”  non è un bel messaggio per il mondo dell’alpinismo e dell’arrampicata. Crediamo che segnare gli appigli e gli appoggi, sia in falesia che in montagna, sia una scorciatoia che risparmia certamente tempo e fatica, ma che danneggia l’esperienza dei ripetitori successivi. Segnare gli appigli  e gli appoggi è una delle peggiori derive etiche degli ultimi vent’anni. Un top climber non dovrebbe né farlo né farla sembrare una procedura logica, normale e soprattutto indispensabile per la riuscita.

Racconta Vanhee: “Questa multipitch aperta da Roger Schaeli (2004-2008) e salita in libera da Alex Megos (2014) e Cedric Lachat (2019) era nella mia lista da quando ho deciso di arrampicare su vie lunghe dure. Insieme al connazionale belga Sebastien Berthe siamo partiti il ​​12 giugno per intraprendere una libera dal basso nel minor numero di giorni possibile. Per noi la salita dal basso è il modo più puro per salire una multipitch alpina. Dopo aver letto i racconti della salita di Cedric sulla difficoltà della via ci siamo preparati per un massimo di cinque giorni in parete. Per immortalare la nostra ascesa, abbiamo incaricato l’amica e fotografa professionista Julia Cassou di unirsi a noi. 

Seb e io siamo partiti dalla base alle 7 del mattino, con il nostro portaledge e il saccone. Lo scopo della giornata era raggiungere la cengia sotto il 17° tiro arrampicando tutto in libera. Sembrava un piano ambizioso considerando gli zaini pesanti e la valutazione sostenuta complessiva  Ma prima fossimo arrivati sulla cengia e prima avremmo potuto affrontare i tre tiri chiave superiori. I primi nove tiri sono spalmati, difficili da leggere ed erano piuttosto sporchi. Questo non ci ha impedito di salirle quasi tutto a vista, tranne i due tiri di 7c. Siamo stati sorprendentemente veloci, alle 14:30 siamo arrivati ​​alla cengia, giusto in tempo per arrostirci al sole senza perdere la preziosa pelle delle dita! Quella stessa notte, Julia si è unita a noi sulla cengia e ha installato alcune linee statiche per riprendere dall’alto la nostra salita nei giorni successivi.

Era necessario partire presto la mattina per avere più ombra possibile. Questa parete esposta a ovest prende il sole alle 14:00. Questa volta Seb è partito, ha subito salito a vista l’8b (17° tiro) dalla cengia. Alzando l’asticella per la giornata! Ero nervoso ma sono riuscito a flashare velocemente la via dietro al mio compagno mentre Julia penzolava sopra di noi catturando ogni emozione. Abbiamo continuato la salita con un tiro di 7b+ fino all’inizio del tratto chiave di tutta la linea, gradato 8c. Sono partito per primo e piano piano ho trovato la beta, spazzolato e segnato tutti gli appigli per farlo sembrare un pezzo di roccia arrampicabile. Affrontare un tiro di 8c su una multipitch calcarea alpina può essere piuttosto intimidatorio. C’è sporcizia, niente magnesio e un’atmosfera incredibilmente esposta! Dopo che Seb ha lavorato sui movimenti, ho fatto un buon giro ma sono caduto a causa di una presa che si è rotta nella sezione più facile. Gli ho dato una terza volta. Mi sentivo stanco, non avevo più pelle e sono salito nervoso ma dedito a riuscire, cosa che ho fatto! Il sole ha iniziato a colpire il muro, un buon motivo per Seb di risparmiare energia e pelle per la mattina successiva. Siamo scesi di nuovo al nostro campo portaledge e abbiamo iniziato la nostra seconda sessione di abbronzatura.

Al terzo giorno siamo riusciti a pesare entrambi su tutti i tiri.

Grazie mille a Roger Schaeli per aver aperto questa linea e aver condiviso alcune informazioni con noi. Ancora un’altra grande linea che hai dato alla comunità dell’arrampicata. Grazie a Cédric Lachat e Tobias Suter per le informazioni sulla logistica. E soprattutto, grazie a Julia Cassou per le tue fantastiche immagini e le buone vibrazioni sul muro.”

Vorremmo condividere i nostri pensieri sulla valutazione di questa salita stellare. Salire una prima salita e classificarla può essere piuttosto complicato. Una prima salita è spesso sporca, intimidatoria e richiede molta forza mentale. È noto che il grado di una salita ha bisogno di diverse ripetizioni prima che possa stabilizzarsi al suo grado definitivo. Quindi, è logico che ripetere salite difficili come questa sollevi sempre la domanda sul grado. Con “Fly” non è diverso.

Sulla base della mia esperienza nello stabilire le prime vie, le ripetizioni delle più classiche difficili multitiri d’Europa da parte di Seb e io e alcune telefonate con il primo salitore Roger Schaeli e Cédric Lachat che hanno effettuato la seconda salita in libera, suggeriamo ‘Fly’ di essere gradato 8b+ . La suggestione dei diversi gradi si trova nel topo aggiustato di Cédric e Tobias.

Non è mai facile valutare una via di più tiri perché dipende da tanti fattori. Abbiamo provato a gradare i tiri come li abbiamo vissuti in parete, con prese sporche, niente gesso e polpastrelli distrutti verso la fine. Entrando dalla via dal basso, non abbiamo lavorato i tiri in anticipo. Inoltre, abbiamo preso in considerazione i nostri punti di forza personali; essendo arrampicata verticale e tecnica su tacche e una buona resistenza. Pensiamo che sia importante dare i gradi corretti in modo che la via possa essere affrontata con le giuste intenzioni e ottenere una reputazione onesta. Nonostante la mia comunicazione con Cédric, non siamo d’accordo sulla valutazione dell’ultimo tiro. Questo breve tiro tecnico è stato gradato 8b+ da Megos e Cédric. Per me e Sebastien sinceramente sembrava più un 8b. Ci rendiamo anche conto di avere condizioni favorevoli in parete per salire una tale condizione a seconda della via. Ma avere buone condizioni ci sembra il modo migliore per classificare correttamente una salita. Ad ogni modo, aspettiamo con curiosità le reazioni delle future ripetizioni!”

Comments are closed.