Un Vione per i Pou sulle Ande

603

I fratelli Iker e Eneko Pou (con Michel Quito) a oltre 6000 metri di quota e per 1200 di sviluppo sul Ranrapalca.

Dopo aver aperto sei vie nell’Himalaya pakistano, tra cui “Waa Shakir” 6b/M.5/70o/2.200 m, con cui si è chiuso il macroprogetto “I 4 ELEMENTI” i due Fratelli baschi sono andati sulle Ande… Si tratta della prima salita dell’inviolata parete nord-ovest della “Ranrapalca”, una massa imponente di quasi un chilometro di dislivello, che raggiunge i 6.162 m.
”L’abbiamo visto per la prima volta quando, insieme a Micher Quito, abbiamo inaugurato “Hanan Pacha” e “EMMOA” all’Urus – che, tra l’altro, è diventato un classico difficile quest’anno già accumulato diverse ripetizioni internazionali . Non eravamo sicuri che saremmo riusciti a scalare qualcosa di così lungo, verticale e difficile a più di 6.000 m di altitudine. Ma con Micher Quito, sono riusciti a salire in due giorni, su una via che battezzano “Ya Pe’ Cholo” 6b/ 80°/1.200 m.
“È stata una salita dura, esposta e molto lunga. Difficile, perché scalare una parete così grande con circa 20 kg sulla schiena moltiplicano la difficoltà per quattro. Esposto, perché essendo alla fine la stagione e con il caldo di quest’anno, le frane e il ghiaccio che cadevano intorno a noi erano costanti. E lungo, perché con 900 m di dislivello e più di 1.000 m di lunghezza, è una delle più grandi che abbiamo mai scalato”.
Quest’anno in “Ya Pe’ Cholo” il il coordinamento è stato perfetto: io (Eneko) ho tirato i nove tiri il primo giorno mentre Iker e Micher ha portato la maggior parte del peso (tredici ore di attività ininterrotta) finché non abbiamo raggiunto la sporgenza che sarebbe servita da bivacco. Il posto era freddo, scomodo e pericoloso
(caduta continua di sassi per tutta la notte) a più di 500 metri dal suolo, sospeso sopra un piccolo nido d’aquila. Al mattino è stato terrificante salire alcuni tiri di sesto grado con il termometro di diversi gradi sotto zero e il peso dei nostri zaini. È stata una giornata
In cui Iker doveva tirare, finché, molto vicino all’uscita, Micher ha iniziato il suo turno, abituato a terreni che non abbiamo in Europa. Così, alle 16:15 siamo arrivati in vetta. Lungo il ritorno abbiamo sfiorato la tragedia con un sasso caduto in testa a Iker, che è rimasto stordito a lungo, ma per fortuna è stato meno grave di quanto era sembrato all’inizio.

Comments are closed.