Schubert e l’insuccesso su Sleepwalker 8c+, intervista e video

388

Non sempre vince il torero; questo il succo, per fortuna non altrettanto cruento, della ultima spedizione di Schubert e soci in terra americana, sull’arenaria di Red Rock, Nevada. Lì Jakob ha provato a lungo Sleepwalker, uno degli 8c+ maggiormente ripetuti del pianeta (Woods, Wenn, Huhhataival, Druana Williams..), ma senza successo, situazione estremamente anomala per uno che è considerato il più fisicamente forte tra tutti gli atleti del circuito agonistico mondiale… Photo credits: Michael Piccolruaz, Simon Rainer

Il tuo ultimo video di YT ti mostra in una situazione insolita: Jakob Schubert che lotta per settimane con un solo blocco. Alla fine vinci o perdi?

Sicuramente entrambi! È stata una decisione dell’ultimo minuto volare negli Stati Uniti alla fine di gennaio con Nicolai Uznik e Michael Piccolruaz. La destinazione era Red Rocks vicino a Las Vegas e un boulder relativamente difficile. Il video mostra il processo che ho affrontato su Sleepwalker, un boulder di 8c+. In termini di difficoltà, è il boulder più difficile che abbia mai provato, eppure pensavo di poterlo fare in tempi relativamente brevi. Nel video puoi vedere la lotta, ma anche quanto è bella l’atmosfera quando facciamo boulder insieme.

Sei tornato a casa da quel viaggio a mani vuote, ti avvicineresti al progetto di nuovo allo stesso modo?

Sono ancora convinto che sarei stato in grado di farla e che alcune decisioni leggermente diverse avrebbero cambiato il risultato. In un tale processo impari sempre molto sul blocco stesso. Nei primi giorni faceva troppo freddo e quindi troppo secco, anzi impossibile da scalare. Abbiamo sicuramente investito troppo fisicamente e distrutto la pelle che alla fine mi è semplicemente mancata. Provare un blocco del genere con due tagli sulle dita è tutt’altro che l’ideale. Uno o due giorni in più di riposo e più pelle per le migliori condizioni verso la fine del viaggio – quella sarebbe stata la ricetta migliore.

Per quindici giorni ti sei concentrato su un problema….

In passato, mi sono sempre divertito a scalare vie al secondo o terzo tentativo, abbastanza difficili da non poterle fare a-vista o flash, ma non così difficili da doverle provare per sempre. Realizzare il maggior numero possibile di vie in un viaggio, questo è stato il mio obiettivo per molto tempo anche nel boulder. Certo, è bello quando sei a Rocklands in Sud Africa per la prima volta, hai tutte le classiche vicine, e fai solo un sacco di boulder che sono appena al di sotto del tuo livello. Negli ultimi anni ho iniziato sempre più a cercare un progetto molto difficile e a lavorarci. Perfecto Mundo è un buon esempio: mi ha fatto capire quanto sto imparando sulla mia scalata sulla roccia. Tutto deve essere perfetto quando si va al limite in quel modo. Questo approccio non è necessariamente più divertente, ma aiuta se vuoi migliorare. Questo è ciò che lo rende eccitante per me. Nel boulder, finora avevo fatto pochi progetti “lunghi” e Sleepwalker è stato il mio primo viaggiocon questo intento. Certamente non è stato così divertente come se avessi provato ogni giorno un boulder diverso. Tuttavia, sono tornato con la sensazione di aver imparato molto. Continuo a credere che 8c+ boulder non debba essere il mio limite, dipende sempre un po’ dal boulder e da quanto mi si addice. Con Sleepwalker, avevo questa speranza di riuscire dopo pochi giorni, ma ho subito capito che avrei dovuto investire di più e questo è stato un po’ frustrante. Dopotutto, hai anche l’ego nel tuo bagaglio. Come scalatore, vuoi essere bravo in ogni stile, vuoi avere pochi punti deboli. In questa trasferta, io e tutta la squadra abbiamo mostrato alcuni deficit. Soprattutto sui rovesci, all’inizio mi sentivo molto perso. La sera dopo una session, penso molto a cosa posso fare meglio. All’inizio, è molto importante trovare i metodi giusti per te. Prima di andare a dormire, lo riprovo più volte nella mia testa. E poi bisogna centellinare i tentativi, perchè puoi metterti in modalità bestia solo poche volte di seguito.

Nel 2021 hai fatto praticamente tutto ‘in corsia di sorpasso’, degradato anche molte vie…

S. Dipende sempre molto da dove trascorri il tuo tempo. La Cappella, ad esempio, è stata estremamente facile per me, Red Rocks e Sleepwalker non proprio. Inoltre, non sei ugualmente in forma in ogni fase, ma non ti divora immediatamente la fiducia in te stesso. Mi sento di nuovo molto bene in allenamento ora e mi sono concentrato sulla preparazione della Coppa del Mondo, anche se quest’anno ho molti progetti sulla roccia. Quello che ho sicuramente imparato è che non sono nemmeno lontanamente esperto nel provare un blocco al mio limite sulla roccia come lo sono nell’arrampicata su vie. La prossima volta dovrò sicuramente affrontarla meglio tatticamente, in termini di giorni di riposo, tentativi e preparazione mentale.

Il prossimo fine settimana inizia la stagione delle competizioni: cosa porti dall’esperienza di Red Rocks al muro della competizione?
Le debolezze mostrate a tutti noi ai Red Rocks ci hanno motivato enormemente per l’allenamento successivo. Certamente ci ho messo più di quanto avrei potuto fare altrimenti e ho lavorato di più su me stesso. Sicuramente mi ha aiutato per la stagione dei Mondiali, mi sento molto preparato.

Cosa possiamo aspettarci da Jakob Schubert ai Mondiali di Meiringen?
Nel boulder è sempre molto difficile da prevedere. Negli ultimi anni, purtroppo, i primi uno o due Mondiali non hanno avuto molto successo per me, non sono mai riuscito a superare le semifinali. Quindi, quest’anno il mio obiettivo è entrare bene nella prima Coppa del Mondo, raggiungere le semifinali e sentirmi a mio agio. La qualificazione è sempre il round più difficile per me, in semifinale blocchi sono più duri e di solito mi trovomeglio. Ho una percentuale di successo molto più alta da lì per arrivare in finale. Quindi, per ora, la mia piena concentrazione è sulla qualifica. Sono più preparato per il boulder tecnico e per le placche rispetto al passato e non vedo l’ora di gareggiare .

Comments are closed.