jacopo Larcher ripete Into the sun di Zangerl

468

Mercoledì 24 novembre 2021, il climber italiano Jacopo Larcher ha effettuato con successo la prima ripetizione della via di Bernd Zangerl “Into The Sun”. La via trad è stata aperta da Bernd nel 2017 a Murgtal, in Svizzera.
Jacopo commenta:
“Dopo la nostra spedizione in Pakistan ho sentito il bisogno di concentrarmi nuovamente solo su monotiri e boulder, almeno per qualche mese. Niente corsa, niente lunghe giornate in montagna: solo roccia e (per me) movimenti duri!
Ultimamente sono stato particolarmente interessato ad esplorare i diversi aspetti dell’arrampicata trad. All’interno di questa stessa disciplina c’è un’ampia varietà di stili, spesso completamente opposti, che la rendono così interessante per me.


Ricordo di aver letto l’articolo sulla prima salita di Bernd di “Into the sun” e di esserne stato molto curioso. Sembrava qualcosa di diverso da tutte le altre vie trad che avevo provato o visto, il che mi ha motivato ancora di più ad andare e dai un’occhiata. Mi piace, e penso che sia importante, controllare le prime salite degli altri; è stimolante e rinfrescante vedere le visioni degli altri, forse uscire dalla nostra zona di comfort e aprire la nostra mente a diverse possibilità. Ognuno vede qualcosa di diverso stando davanti a un pezzo di roccia e trova diverse soluzioni/approcci per scalarlo.Questa varietà di visioni e questo scambio è ciò che fa crescere il nostro sport e noi stessi!
Questo autunno ho finalmente deciso di andare in Murtgal e controllare il percorso di Bernd. Era la mia prima volta lì e sinceramente mi sono innamorato di quella valle tranquilla e bellissima! La roccia tagliente non è il massimo che si possa desiderare, ma la natura e la tranquillità rendono quel posto così speciale.
“Into the sun” si trova su un grosso masso, che ospita diversi problemi, e attraversa l’intero blocco da destra a sinistra. Il percorso è fondamentalmente un top dell’highball esistente di Bernd chiamato “V.I.P. (Very Important Papagei)”, che termina su una zappa accanto a una sosta a spit. Questa è di gran lunga la parte più difficile dell’intera salita; saltati gli spit, si traversa a sinistra su un’evidente grande fessura e si esce dall’altra parte del masso. Quest’ultima sezione è stata salita come highball partendo da un altro problema. L’arrampicata è facile, ma la roccia è spesso bagnata e non sembra sempre solida, ecco perché penso che abbia ancora più senso arrampicarla con il materiale invece di farla come un highball. Come scalatore trad, è esattamente come lo farei.
Dopo la prima sessione avevo un buon feeling, perché potevo salire il boulder lungo in due sezioni, ma gli ultimi movimenti (del boulder) si sono rivelati una vera lotta per me e ho dovuto investire diverse sessioni in più e un sacco di energie per riuscire a scalarlo.


La difficoltà più grande, a parte la dura arrampicata, sono state le condizioni. A causa della nebbia, gli appigli di partenza erano per lo più umidi, quindi hai dovuto provare a salire il resto del masso con scarpe/mani bagnate. Dopo essere caduto nell’ultimo movimento molte volte, l’ultimo giorno prima della grande tempesta di neve (anche nota come possibile fine della stagione per ITS), sono riuscito a salirlo al primo tentativo con condizioni di gelo ottimali: è stata una bella sensazione! Onestamente sono stato contento della decisione di salire l’ultima sezione come via trad, poiché le mie dita si sono completamente intorpidite nella fessura e non sentivo nulla sull’ultimo spigolo.
Quindi ora la grande domanda, che tutti mi fanno, è… Che cos’è “Into the sun”? È una salita trad o un highball? Come possiamo descriverlo? Sinceramente per me la domanda più grande è un’altra… Bisogna dare un nome a tutto e inserirsi in una scatola? Personalmente non la penso così!
Per me “Into the sun” è la visione di Bernd di come scalare un bel pezzo di roccia. Era il modo in cui si metteva alla prova e tornava ad arrampicare dopo un infortunio, che secondo i medici non gli avrebbe più permesso di arrampicare. È riuscito a superare questa grande sfida e ad impostarne una nuova per gli altri scalatori. Lo prendo, l’ho trovato davvero difficile e mi è piaciuto molto il processo. Questo è ciò che credo dovrebbe essere l’arrampicata. Qualcun altro l’avrebbe spittata, qualcun altro l’avrebbe fatta in free solo e probabilmente la maggior parte non si sarebbe mai immaginata di salirla…
Penso che l’abbia fatto nel migliore dei modi e personalmente l’avrei fatto allo stesso modo se questo fosse stata una mia FA. L’unica cosa che avrei fatto in modo diverso è l’inizio, per me avrebbe avuto più senso stabilire dall’inizio del boulder, invece di aggiungere i primi movimenti difficili… ma ancora una volta, questa è esattamente la cosa bella dell’arrampicata , ognuno vede qualcosa di diverso. Grazie ancora per l’esperienza Bernd e gli oggetti di scena per la FA.
… e ovviamente grazie mille Babsi, Mauro, Andrea e Michi per l’appoggio. FOTO ANDREA COSSU

Comments are closed.