Jacopo Larcher riesce nella terza salita di Meltdown 8c+ trad in Yosemite

207

Lo scorso martedì, 22 novembre 2022, Jacopo Larcher ha effettuato la terza salita dell’iconica via trad “Meltdown” a Cascade Creek, Yosemite Valley, California.


Meltdown era stata salita per la prima volta da Beth Rodden nel 2008 e ha acquisito notorietà nel film Dosage V, di Big Up Productions. Beth aveva gradato la via 5.14c, presentandola come una delle vie trad più difficili d’America e del mondo.
La via era poi rimasta irripetuta per un decennio, prima di vedere finalmente la prima ripetizione dall’americano Carlo Traversi, nel 2018.
Jacopo aveva provato la via per la prima volta nel 2016, quando aveva trascorso 2 giorni a provare i movimenti. Durante questo trip in America, Jacopo ha passato una sera a spazzolare le prese e 7 giorni a lavorare la via. La salita è stata effettuata piazzando tutti i pezzi durante la salita.
Jacopo sta trascorrendo il mese di novembre in Yosemite, per le riprese di una nuova serie di documentari di The North Face sulle vie trad più difficili del mondo. ‘How Hard Is Hard?’ uscirà nel 2023.

Sulla sua salita di Meltdown, Jacopo ha commentato:
Ci sono molte vie difficili in giro per il mondo, ma pochissime sono diventate iconiche. Per me Meltdown è stata sicuramente una di quelle. Non so perché, ma in qualche modo aveva un’aura misteriosa. Ricordo di aver visto il film dell’incredibile scalata di Beth prima salita, nel 2008. All’epoca non sapevo molto di arrampicata trad, e non riuscivo a capire davvero il significato della via e il suo successo in quel momento.La via sembrava così bella, eppure era assolutamente allucinante. Qualcosa di impensabile per me da considerare scalare, in quel momento.
Alcuni anni dopo, quando ho iniziato ad interessarmi sempre di più a questo aspetto dell’arrampicata, ho iniziato a rendermi conto che quella salita era in anticipo sui tempi. Sin dalla sua prima salita, non si era sentito parlare molto di Meltdown, cosa non così comune per una nota scalata situata proprio nel mezzo della Yosemite Valley.
Si diceva che alcuni dei migliori alpinisti trad del mondo avessero provato la via nel corso degli anni, ma che nessuno avesse avuto successo. La gente ha persino creato il mito che la via avesse incastri così fini, che era impossibile per gli scalatori con dita normali. Tutto ciò ha aggiunto un po’ di mistero alla via, fino a quando Carlo Traversi, nel 2018, ha finalmente rivendicato la seconda salita, confermando l’incredibile impresa di Beth e dimostrando che tutte le “scuse” erano sbagliate.
Ho avuto il mio primo assaggio di Meltdown nel 2016, quando io e Babsi abbiamo controllato la via per due giorni tra un po’ di “azione El Cap”. Entrambi siamo rimasti sorpresi dalla bellezza della linea, oltre che dalla sua difficoltà. Sicuramente non si trattava di incastri possibili solo per dita sottili, ma di alcuni potenti movimenti su piedi estremamente cattivi e vitrei. Dopo quei 2 giorni sono rimasto ancora più impressionato dalla salita di Beth nel 2008!

Abbiamo visitato regolarmente Yosemite negli anni seguenti, ma la nostra attenzione era sempre stata sulle pareti più grandi, quindi non eravamo tornati su Meltdown, anche se la linea è sempre stata nella mia mente. Dato che attualmente sto lavorando a un documentario sui diversi stili ed etica nell’arrampicata trad, questa stagione mi sono finalmente impegnato a tornare in Valle senza la mia attrezzatura da big wall, per salire alcuni monotiri classici e salire di nuovo su Meltdown .
Fortunatamente, questa volta ho avuto subito delle sensazioni più positive al risveglio. Gli appigli erano ancora terribili e la via dura, ma in qualche modo mi sentivo uno scalatore (trad) più maturo. Sono rimasto molto sorpreso ma motivato, quando sono riuscito a salirlo in top-rope nel mio terzo giorno di prova quest’anno. Dopodiché, ho ingenuamente pensato che sarebbe andata veloce da capocordata, ma posizionare il materiale aggiunge un po’ di pepe e rende decisamente la via molto più difficile.
Nel mio quarto giorno di tentativi dal basso ho dovuto tirare fuori una grande (!) battaglia per arrivare in catena. Di solito, quando si provano vie trad difficili, la salita buona sembra fluida, il che è ovviamente una bella sensazione… ma su questa ho dovuto lottare molto duramente ed ero molto vicino a cadere nella parte alta, il che in qualche modo ha reso l’esperienza ancora più omogenea. più indimenticabile 🙂 È stato sicuramente uno dei miei momenti preferiti in arrampicata!
Vorrei sottolineare ancora una volta ciò che Beth ha fatto nel 2008, che è stato molto avanti rispetto ai tempi, sia nella storia dell’arrampicata femminile che in quella maschile! Onestamente credo che più basso sei, più difficile diventa questa via… e sì: le dimensioni delle dita non contano! Chapeau Beth, grazie per l’ispirazione”.

This past Tuesday, the 22nd of November 2022, Italian climber Jacopo Larcher successfully made the 3rd ascent of the iconic trad test-piece ‘Meltdown’ in Cascade Creek, Yosemite Valley, California.
Meltdown was first established by Yosemite local Beth Rodden in 2008, and gained notoriety in the film Dosage V, from Big Up Productions. Beth graded the route 5.14c, putting it out there as one of the hardest trad climbs in America, and worldwide.
The route then stood unrepeated for a decade, before finally seeing its first repetition from Jacopo’s Black Diamond team-mate Carlo Traversi, in 2018.
Jacopo first tried the route in 2016, when he spent 2 days trying the moves. During this current trip, he spent one evening brushing the holds and 7 days working the route on head-point. During his ascent he placed all gear on lead.
Jacopo is spending the month of November in Yosemite, filming for a new documentary series by The North Face about the world’s hardest trad climbs. ‘How Hard Is Hard?’ is due out in 2023.
On his ascent of Meltdown, Jacopo commented:
“There are many hard trad climbs around the world, but very few have become iconic. For me Meltdown was definitely one of those. I don’t know why, but it somehow had this mysterious aura. I remember watching the movie of Beth’s incredible first ascent, back in 2008; at the time I didn’t know much about trad climbing, and I couldn’t really understand the significance of the route and her achievement at that time. The route just looked so beautiful, yet completely desperate to me. Something unthinkable for me to consider climbing, at the time.
Some years later, when I started to get more and more into this aspect of climbing, I began to realize that her achievement was ahead of its time. Since he rfirst ascent, not much about the route had been heard, which was not so common for a well-known climb situated just in the middle of Yosemite valley.
There were rumours about some of the world’s best trad climbers having tried the route over the years, but no-one found success. People even created the myth that route had such thin jams, that it was impossible for climbers with normal fingers. All that added some mystery to the route, until Carlo Traversi, in 2018, finally claimed the second ascent of Meltdown, confirming Beth’s incredible achievement and proving all the “excuses” were wrong.
I had my first taste of Meltdown in 2016, when Babsi and I checked out the route for two days in between some “El Cap action”. We were both surprised by the beauty of the line, as well as its difficulty. It definitely wasn’t about thin finger jams, but about some very powerful lay-backing on extremely bad and glassy footholds. After those 2 days I was even more impressed by Beth ascent back in 2008!

We regularly visited Yosemite in the following years, but our focus had always been on the bigger walls, so we hadn’t gone back on Meltdown, even though the line has always been in the back of my mind.
As I’m currently working on a documentary about the different styles and ethics in trad climbing, this season I finally committed to go back to the Valley without my big wall gear, in order to climb some classic single pitches and to get on Meltdown again.
Luckily, this time I immediately had some more positive feelings woking on it. The footholds were still terrible and the route hard, but I somehow felt like a more mature (trad) climber. I was very surprised yet motivated, when I managed to top-rope it clean on my 3rd day trying it this year. After that, I naively thought it would go fast on lead, but placing the gear adds some extra spice to it and it definitely makes the route significantly harder.
On my fourth day of lead tries I had to pull out a big (!) fight and dig deep in order to reach the anchor. The easier upper parts always felt good on top-rope, but it definitely felt different when coming from the ground! Usually, while head pointing hard trad routes, the actual send go feels smooth, which is obviously a nice feeling… but on this one I had to fight very hard and was very close to falling in the upper part, which somehow made the experience even more unforgettable 🙂 It was definitely one of my favourite moments in climbing!
I would like to highlight once more what Beth did in 2008, which was way ahead of the times, both in women and mens climbing history! I honestly believe the shorter you are, the harder this route gets…and yes: fingers size doesn’t matter! Chapeau Beth, thanks for the inspiration.”

Comments are closed.