Honnold in Bianco e non solo nel nuovo fantastico video Redbull

2.235

Una sorta di spettacolare “dietro le quinte” per questo video documentario incredibilmente realistico e in alta risoluzione. Nella troupe di appoggio a Honnold c’era Korra Pesce, recentemente scomparso sul Cerro Torre e a cui è stato dedicato il filmato

Clicca sull’immagine per accedere al film

Il nuovo film documentario in realtà virtuale “Alex Honnold: The Soloist VR” traccia il viaggio mozzafiato della star di “Free Solo” mentre si fa strada attraverso gli Stati Uniti e l’Europa, inclusa l’iconica salita di El Capitan nello Yosemite National Park e Mont Maudit – the Cursed Montagna.

Ora la serie TV Red Bull “Making the Soloist VR” va dietro le quinte per mostrare come questa tecnologia innovativa è stata impiegata per catturare l’esperienza 3D a 360° negli ambienti più estremi. Ecco tutto quello che devi sapere:

  • Alex Honnold è un climber professionista le cui salite in free-solo delle più grandi scogliere americane lo hanno reso uno dei climber più riconosciuti e seguiti al mondo. Honnold si distingue per la sua straordinaria capacità di controllare la sua paura mentre scala scogliere di altezze vertiginose senza una corda per proteggerlo se cade in uno stile di arrampicata chiamato free solo climbing.
  • Nel 2017 Honnold ha completato il primo e unico free-solo della via “Freerider” di El Capitan (5.13a, 3.000 piedi), salutato da molti come uno dei più grandi successi sportivi del nostro tempo. Free Solo’ il film che documenta questa scalata, ha vinto il premio per il miglior documentario alla 91esima edizione degli Academy Awards.
  • Le due parti “Alex Honnold: The Soloist VR” immerge gli spettatori accanto al 36enne californiano mentre mostra il talento che ha affascinato le persone a livello globale. Il film è disponibile solo per Oculus TV, sui visori Meta Quest VR.
  • Il film, che è stato girato in due anni dal pluripremiato produttore Johnathan Griffith di “Everest VR: Journey to the Top of the World”, utilizza la più recente tecnologia 3D ad alta risoluzione a 360° per catturare Honnold in alcuni dei luoghi più remoti e le posizioni più selvagge possibili.
  • Il produttore di VR Johnathan Griffith ha aggiunto: “Dopo aver visto come il pubblico è stato affascinato da Alex in Free Solo, abbiamo pensato che la realtà virtuale potesse avvicinare le persone a stare sul muro con Alex mentre continua a spingere i confini dello sport e dei risultati umani. “
  • La serie in tre parti “Making the Soloist VR” su Red Bull TV segue il team di produzione e offre uno sguardo all’interno delle sfide affrontate con le riprese in VR in questi ambienti. Honnold, il regista Jon Griffith e un gruppo di alpinisti ci accompagnano attraverso il viaggio, le lotte e le ricompense della creazione di un film del genere.
  • L’episodio 1 segue Honnold a Yosemite, sede del temibile El Capitan a 2.308 m (7.573 piedi) e Red Rocks. L’azione si sposta quindi in Europa, dove Honnold si allea con l’alpinista svizzero Nicolas Hojac per affrontare le dure salite in free solo delle Dolomiti. L’episodio 2 culmina con Honnold e Hojac che combattono un’estate nevosa e piovosa per l’American Direct in solitario sull’Aiguille du Dru a Chamonix e l’arete Kuffner sul Mont Maudit – la Montagna Maledetta – la seconda vetta più alta del massiccio del Monte Bianco.
  • Poiché girare in montagna significa circostanze incontrollabili, ogni aspetto ruotava attorno alla capacità della troupe di gestire se stessa in situazioni complesse e spesso pericolose. Mentre stavano documentando le stelle del mondo dell’arrampicata, il team ha dovuto possedere un alto livello di abilità in montagna e mettere insieme una squadra di supporto in grado di tenere il passo con Honnold.

-A guidare la visione artistica di questa serie dietro le quinte è stato il regista Renan Ozturk, e ad aiutare il team a navigare in alta montagna è stato l’alpinista professionista Nico Hokjac. Ozturk lavora per ottenere immagini straordinarie, sia su pellicola che su immagini fisse, mentre il compito principale di Hojac è truccare le telecamere e mantenere la squadra al sicuro.

  • Honnold ha spiegato: “Per chiunque voglia fare un tuffo più profondo nel mondo dell’arrampicata in free solo, The Soloist VR è l’occasione perfetta per farlo comodamente da casa propria. Gli spettatori vengono per il giro mentre scaliamo alcuni dei le più belle pareti rocciose della terra”.
  • Soprannominato Alex “No Big Deal” Honnold, la Medical University of South Carolina, a Charleston, ha condotto una risonanza magnetica funzionale nel 2016, che ha mostrato poca o nessuna attivazione nell’amigdala di Honnold, responsabile delle risposte alla paura.
  • Di Sacramento, California, i risultati più celebri di Honnold includono il primo e unico free-solo del Moonlight Buttress (5.12d, 1.200 piedi) nello Zion National Park, Utah, e la parete nord-ovest (5.12a) dell’Half Dome (2.200 piedi ), Yosemite, California. Nel 2012 ha realizzato il primo “Triple Solo” di Yosemite: scalando, in successione, le tre pareti più grandi del Parco Nazionale: il Monte. Watkins, Half Dome ed El Capitan, da soli e in meno di 24 ore.

Comments are closed.