“Ultimo tango a Zagarolo” eccellente FA di Iagnemma

Un progetto lungo 20 anni ora è 9a/a+

Si chiama “Ultimo tango a Zagarolo” ed è stata chiodata, a Grotti, da Alfredo Smargiassi ormai 20 anni fa; operazione molto visionaria per l’epoca e “dedicata” a Jolly Lamberti, che era l’unico in zona in grado di reggere il carico di prese così distanti e “spietate” per la pelle e i tendini dei monoditi interessati. La via era stata tentata anni fa anche da Stefano Ghisolfi. A passare, vent’anni dopo, è stato Elias Iagnemma, sempre meno boulderista e sempre più hard core climber dalle dita di acciaio e dalla pazienza di sopportare che la pelle si distrugga e si rigeneri tentativo dopo tentativo. Ecco cosa racconta Elias sul suo profilo instagram:

Prima salita di”Ultimto Tango a Zagarolo. Famosissimo progetto rimasto illiberato per anni. Sono riuscito a venirne a capo dopo diversi squarci del mio anulare sull’ultimo movimento in uscita del tetto! Complimenti al chiodatore ed @jollypowertraining per aver pensato e creduto che una roba del genere fosse possibile diversi anni fa…Mi innamorai subito quando vidi la foto di @jollypowertraining in uscita a questo progetto sul suo libro di allenamenti, da quel momento l’ho sognata per anni. Ora è realtà. Propongo per questo tiro fantastico 9a/+. Nel gradare questo tiro ho pensato di suddividerlo in due sezioni, il primo un 8b+ di blocco di tetto e poi un 8a di continuità fino in catena. Diciamo che il 2020 è iniziato bene! 

Jolly Lamberti sostiene, probabilmente a buon diritto, che la valutazione di Elias è prudente. Il genere è quello di “Demencia senil” a Margalef, riferimento mondiale per il 9a+. Il tempo assesterà il grado. Intanto ecco il video della salita di Elias:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: