Tomoa finalmente è contento

“Io sono leggenda” finalmente vince a Wujiang

Il più talentuoso della fiumana di atleti giapponesi che da ormai tre anni intasa le parti alte delle classifiche di Coppa del Mondo… ultimamente era un po’ abbonato ai podi. Nella quarta tappa del 2019 Tomoa Narasaki tira finalmente un respiro di sollievo e persino un mezzo sorriso, aiutato da Ondra e da Kruder, che non riescono ad andare al di là della semifinale e di un blocco, quello che posta sul suo profilo instagram, dove le mani si posano in tutto sei volte sul muro attraverso tre soli movimenti. Com’è cambiata la scalata agonistica! A pareti Tomoa aveva dichiarato di voler diventare una leggenda, ed è certamente sulla strada giusta. In campo femminile ancora e sempre Garnbret, ma con l’inserimento della minuscola 15enne giapponese (!) Ai Mori al terzo posto. Italiani non pervenuti, nel senso di non oltre la fase open e lontani dalla semifinale. Tutti i risultati qui

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: