Si ritenta la carta del soccorso dal basso

Alpinisti russi dal K2 verso Nardi e Ballard

Si ripete la storia già vista sul Nanga Parbat lo scorso anno, quando Urubko e Bielicki, prelevati dal base del K2, si lanciarono nel più clamoroso soccorso alpino della storia, nel tentativo di salvare la francese Elisabeth Revol, e il suo partner polacco Tomek Mackiewicz. Anche questa volta (venerdì 1 Marzo), una squadra di russi capitanati da Vassily Pivtsov, e già acclimatati, cercherà Nardi e Ballard dopo essere stati depositati nei pressi del loro campo 3, dove è stata avvistata oggi il resto di una tenda. La grossa differenza con il soccorso dell’anno passato è l’incertezza a riguardo della sopravvivenza dei protagonisti: di Revol si sapeva che era ancora viva, Nardi e Ballard non danno segni da Domenica scorsa.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi