Pirmin Bertle va a scalare lo stesso, ma…

e provoca pubblicando una foto su “Corona” 9a+

Pirmin Bertle, superstar della scalata tedesca (ed elvetica d’importazione) nonché collaboratore di diverse testate internazionali tra cui la nostra, ha da poco pubblicato una foto e un testo sulla sua pagina Facebook, nella quale mostra un tentativo di ieri sul 9a+ di Corona (Markus Bock) in Frankenjura.

Si può scalare in Germania?

Molte comunità hanno emanato divieti locali di arrampicata. Nei casi in cui l’arrampicata non è espressamente vietata, è necessario rispettare i requisiti anti Covid (distanza, nessun contatto con persone al di fuori della propria abitazione, ecc). Il fatto che vi siano affermazioni contraddittorie sulla questione se l’arrampicata sia consentita o meno in Germania è dovuto da un lato alle diverse normative dei Länder federali e dall’altro probabilmente anche alla formulazione vaga di molti decreti relativi al Covid, che vengono interpretati di conseguenza dalle autorità esecutive (polizia e uffici distrettuali) in modo diverso nei singoli casi. Però le associazioni di arrampicata DAV e IG Klettern hanno espressamente invitato gli arrampicatori a non andare ad arrampicare. Soprattutto per le vacanze di Pasqua, il DAV ha chiesto ancora una volta di non intraprendere alcuna escursione in montagna. Questo riguarda “sia i tour in montagna nelle Alpi bavaresi che le escursioni nelle basse catene montuose tedesche o le scalate su roccia”. Il Club Alpino sottolinea: “Per favore non andate ad arrampicare! Gli incidenti possono accadere, c’è un certo rischio di infezione”. Anche il soccorso alpino bavarese ha chiesto agli sportivi di montagna di restare a casa. Il nocciolo è probabilmente qui: chiedere non è vietare.

La rivista Klettern ha riportato che sul sito www.frankenjura.com è comparso un rapporto secondo il quale arrampicatori sulla parete di Hetzendorf sono stati controllati dalla polizia. E poiché le cordate stavano mantenendo la necessaria distanza di sicurezza, non ci sono state lamentele. Tuttavia l’ordinanza bavarese dice che l’uscita da casa propria è consentita solo se vi sono buone ragioni. Ancora: a fine Marzo in Baviera, l’arrampicata su roccia non era ritenuto “sport individuale all’aria aperta”, e quindi rientrava nel coprifuoco. L’8 aprile questa interpretazione è stata relativizzata di nuovo: l’arrampicata è probabilmente consentita anche come sport individuale in natura. Insomma, confusione.

La posizione di Bertle non è quindi poi così “coraggiosa”..

Che ci sia tanta gente a scalare nel mondo anche dove i divieti sono in piena attuazione, come in Italia dove è espressamente vietato, non è purtroppo un mito. L’incidente Franchini di qualche giorno fa è stato probabilmente la punta di un piccolo iceberg, ma Bertle è il primo top climber a fare outing e a motivarlo, almeno dal suo punto di vista.

Forse non così “eroicamente”, aggiungiamo noi, perché è facile farsi paladini della “resistenza all’illogico” se quello che fai non è un reato e se dall’altra parte non c’è nessuno che ti spara o ti multa in quanto stai facendo una cosa sconsigliata ma non vietata dalla tua legge. Secondo noi, quindi, ha comunque sbagliato ad andare contro alle indicazioni delle associazioni verticali , ma ha certamente ha stimolato il dibattito a riguardo della seguente questione: la scalata è o non è uno sport individuale in riferimento alle specifiche Covid? Questione di grande rilevanza in relazione a quella che in Italia viene chiamata la Fase 2. Comunque, ecco cosa scrive:

Indossare una mascherina su una via di resistenza come questa aumenta il rischio di difficoltà respiratorie per la mia fascia d’età probabilmente più del Covid-19. Ma è utile per provare le sequenze e fa sì che il mio fotografo André sia il più possibile al sicuro. Inoltre, siamo venuti in auto separate da diverse direzioni e abbiamo scelto posizioni fotografiche uniche che fossero almeno a un paio di metri di distanza da me. Gli standard di sicurezza sono stati elevati come sempre. Non solo per evitare di bloccare i letti per la terapia intensiva (che non sono affatto al loro limite intorno a Frankenjura), ma semplicemente per salvarci la vita.
Tutto questo anche se non ci sono prove scientifiche e scarsa plausibilità per l’infezione da Covid-19 all’aperto (almeno senza baci alla francese) Soprattutto in condizioni di tempo secco, ventoso e caldo come questo.
Essendo consapevole della tempesta di merda che ne può derivare, ammetto apertamente che ieri ho iniziato e già quasi portato a buon fine dei veri tentativi di redpointsu Corona e Panthera (9a) a Schneiderloch senza maschera e mia moglie che mi assicura – lei è un medico che a causa della mancanza di attrezzature di sicurezza deve ancora lavorare senza protezione in ospedale.
Non ho paura di baciarla (anche al chiuso) ma ci sarebbe motivo di chiedersi chi mette a rischio chi in una circostanza come questa?
L’astensione dall’arrampicata e dalla merda che prende d’assalto chi si avvale della possibilità ancora legale di arrampicarsi all’aperto nelle vicinanze non ha ancora dimostrato di appiattire la curva di Covid-19.
Pertanto, è dimostrato che non appiattisce la curva già inflazionata del dell’odio online.
Ancora oggi una testa può essere usata per qualcosa di più che per tenere su una maschera.
E non preoccupatevi: il libero pensiero non è un atteggiamento molto contagioso di questi tempi. Si può applicare senza alcuna protezione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi