La Sportiva posticipa di un anno il lancio della collezione estiva

default

Un posticipo parziale per salvaguardare i negozianti

Se per il settore tecnico (scarpette, scarpe e scarponi) l’emergenza Covid non è una allegria ma nemmeno una tragedia, per tutto ciò che è invece abbigliamento, e moda in generale, rappresenta un problema insormontabile, quando l’intero stagionale resta invenduto perchè… i negozi sono forzatamente chiusi. Per una collezione saltare una stagione di questo passo equivarrà a saltare un’intero anno, se i produttori non cambiano passo. E’ quello che ha deciso di fare La Sportiva per salvaguardare i rivenditori del marchio trentino in tutto il mondo: un posticipo parziale della linea 2020, che farà quindi come le Olimpiadi, slittando di 365 giorni. Ecco il comunicato ufficiale:

L’azienda trentina sposta in avanti la presentazione di gran parte delle novità SS21 per salvaguardare i negozianti. Delladio: “Giacenze di magazzino molto alte, non vogliamo far soffrire la rete vendita”


Ziano di Fiemme – L’emergenza causata dal diffondersi dell’epidemia di COVID19 non appare vicina alla sua soluzione immediata, di conseguenza La Sportiva dopo aver deciso in anticipo sui tempi voluti dal Governo per la chiusura dello stabilimento di Ziano di Fiemme, e dopo la riconversione di parte dell’impianto produttivo a favore della produzione di mascherine e dispositivi sanitari per la Protezione Civile di Trento, adotta ora una misura importante a sostegno dei negozianti e della propria rete vendita mondiale. 

Preso atto che la chiusura prolungata della maggioranza dei negozi italiani ed europei, cominciata proprio nella fase iniziale della stagione spring/summer 2020, porterà  ogni operatore del settore a fare i conti con giacenze di prodotto molto alte, prodotti che nella maggior parte dei casi non hanno nemmeno avuto il tempo di essere presentati al mercato e che non possono quindi essere tra qualche mese considerati “superati”, La Sportiva ha deciso di posticipare il lancio di circa il 90% della collezione abbigliamento estiva 2021 e della gran parte delle novità calzature previste. 
Lo scopo di questa decisione è di preservare il valore dei prodotti della collezione che si trovano attualmente nei magazzini dell’azienda e dei negozianti in un’ottica “slow fashion” che permetterà ai partner di non essere costretti a svalorizzare la merce e a continuare a proporla con maggior respiro nei prossimi mesi.

La nuova collezione apparel che sarà presentata a maggio alla rete vendita mondiale e che sarà nei negozi a Primavera 2021 (circa 74 i mercati serviti), riproporrà quindi gran parte della collezione attuale 2020, arricchita da alcune nuove capsule prodotto aggiuntive e non sostitutive di precedenti prodotti. Stessa decisione coinvolge anche diversi nuovi progetti relativi alle collezioni Footwear Mountain Running® e Climbing, con l’identico obiettivo di non rendere prematuramente obsolete grandi quantità di prodotto invenduto a causa della prolungata chiusura.

“In questo momento così difficile per tantissimi nostri negozianti in tutto il mondo, non ci sembrava responsabile presentare, come siamo soliti fare e come il mercato impone normalmente, decine di prodotti nuovi che avrebbero immediatamente appesantito gli assortimenti dei negozianti, in un anno dove è probabile che l’invenduto sarà tendenzialmente elevato. – Dice Giulia Delladio, Strategic Marketing Manager de La Sportiva – La nostra azienda si impegnerà di conseguenza ad investire le risorse di Marketing sostenendo in ogni modo possibile un corretto e completo processo di sell-out delle collezioni già attualmente nei magazzini dei nostri partner.” Si tratta di un segnale forte che l’azienda ha deciso di lanciare nella profonda convinzione che possa aiutare tutta la filiera a creare le migliori condizioni possibili per una pronta ripresa nel post emergenza. Il motto aziendale di questi giorni è sempre lo stesso: “Uniti, seppure divisi, scaleremo anche questa cima”. 

The Trentino based company moves forward the presentation of most of the SS21 innovations to safeguard the dealers.  Delladio: “There are very high warehouse stocks, we don’t want our sales network to suffer”


Ziano di Fiemme – The emergency caused by the spread of the COVID19 epidemic does not appear close to an immediate solution, consequently La Sportiva, after having decided in advance on the times established by the Government for the closure of the Ziano di Fiemme factory, and after the conversion of part of the production plant in favour of manufacturing masks and sanitary devices for the Civil Protection of Trento ( la Protezione Civile di Trento), now adopts an important measure in support of the dealers and its worldwide sales network. 

Considering the fact that the prolonged closure of most Italian and European stores, which began right at the initial phase of the spring/summer 2020 season, will lead every operator in this market sector to face very high warehouse stocks of products that in most cases have not even had the chance to be presented to the market and therefore cannot be considered “outdated” in a few months, La Sportiva has decided to postpone the launch of almost 90% of the 2021 summer clothing collection and most of the new footwear. 

The aim of this decision is to preserve the value of the products in the current collection, in the company’s warehouse and in the stores in a “slow fashion” perspective that will allow partners to continue offering the goods without having to “devaluate” them and provide more breathing space in the coming months. 

The new apparel collection that will be presented to the world sales network in May and which will be in the stores in Spring 2021 (around 74 markets served), will therefore re-propose a large part of the current 2020 collection, enriched with some capsule products added to the collection and not substitutes of previous products. The same decison has been taken with regards to several new projects relating to the Footwear Mountain Running® and Climbing collection, with the same objective of not creating large quantities of obsolete products that are unsold due to the prolonged closure.  

 “At this difficult time for many of our shopkeepers all over the world, it did not seem responsible to present, as we usually do and as the market normally dictates, dozens of new products that would have immediately weighed down the assortments of our dealers, in a year where the amount of unsold items will tend to be high. – Says  Giulia Delladio, Strategic Marketing Manager at La Sportiva – Our company will therefore undertake to invest the Marketing resources by supporting in every way possible a correct and complete process of sell-out of the collections already currently in our partners’s warehouses.”

This is a strong signal that the company has decided to launch in the firm conviction that it can help the whole supply chain to create the best possible conditions for a prompt recovery in the post-emergency period. The corporate motto of these days is always the same: “United, even if divided, we will also climb this peak”. 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: