Clamoroso: prima femminile di “Action Directe” per Melissa Le Neve

Il 9a di Gullich “impossibile per le donne”

Un’altra grande storia di resilienza al femminile: Melissa Le Neve viene a capo della mitica “Action Directe”, il 9a di Gullich diventato parametro mondiale del grado e in ballottaggio con la britannica “Hubble” per essere stato il primo 9a al mondo. Una via ritenuta “impossibile” per le donne a causa del lunghissimo e fisico lancio iniziale, il mitico lancio che ha precluso i tentativi a così tanti top climbers. La via, dopo Wolfgang Gullich, era stata ripetuta dal local Alexander Adler e poi da Iker Pou, primo dei top climbers mondiali, a cui è poi seguito Ondra e Megos, a cui spetta la più veloce riuscita. Moroni, Carnati e Scarperi per gli italiani.

Ma mancava la prima femminile. ed ecco Melissa Le Neve, francese ed ex garista, che così commenta la sua prestazione sulla sua pagina instagram:

Wolfgang Güllich. 9a. – Il classico. La leggenda. Il primo.
… Che viaggio… che persona ispiratrice… che lotta… ma anche “une histoire d’amour”… tutto quello che ho cercato nell’arrampicata.
Speravo che questo momento arrivasse da secoli. Non avrei mai immaginato quanto sarebbe stato emozionante fissare l’ancora. Mi sono completamente innamorata del processo, per risolvere il puzzle e sbloccare questo jump. Talmente ossessionata che mi ha fatto pensare alla pazienza. Anni di impegno, alti e bassi, speranza e molti dubbi.
Non sarebbe mai stato possibile da sola. La comunità del Frankenjura mi ha accolta a cuore aperto e gliene sono molto grata. Il sostegno che ho ricevuto da Fabian e dai miei amici è stato la luce di questo viaggio Quei momenti magici nella foresta che hanno riempito il mio cuore per 6 anni.
Era il mio sogno ed è diventato quello di @guillaumelevernier. Mi ha dato il suo pieno sostegno con un piano di preparazione geniale. Condividere questo obiettivo e vedere la sua motivazione mi ha aiutato a diventare sicura di me stessa, ad essere continua, e finalmente a dare tutto al momento giusto. Foto di @fabi_buhl , il talento con cui ho la fortuna di condividere la mia vita.Grazie anche a te e ad Andy per le innumerevoli ore che passiamo nel bosco!

Queste le prime parole di Melissa, che ha affidato ai media internet pochissime parole, volendo riservare “il sugo” per le riviste internazionali di carta. Tra questa Pareti, che le dedicherà la copertina del numero estivo e una lunga intervista.

Ecco il video della ripetizione di Vogt, uno di quelli dove si vedono meglio gli appigli

Ecco l’elenco aggiornato delle RP ad “Action directe”. Non abbiamo inserito le salite del britannico Richard Simpson (2005) e dello svedese Said Belaj (2019) in quanto non le riteniamo supportate da prove credibili.

1   Wolfgang Güllich - 6 dicembre 1991 - Prima salita
2   Alexander Adler - settembre 1995
3   Iker Pou - giugno 2000
4   Dave Graham - maggio 2001
5   Christian Bindhammer - maggio 2003
6   Dai Koyamada - ottobre 2005
7   Markus Bock - ottobre 2005
8   Kilian Fischhuber - settembre 2006
9  Adam Ondra - maggio 2008
10  Patxi Usobiaga - ottobre 2008
11  Gabriele Moroni - aprile 2010
12  Jan Hojer - maggio 2010
13  Adam Pustelnik - ottobre 2010
14  Felix Knaub - ottobre 2011
15  Rustam Gelmanov - marzo 2012
16  Alexander Megos - maggio 2013
17  Felix Neumarker - maggio 2015
18  Julius Westphal - giugno 2015
19  Stefano Carnati - luglio 2016
20  David Firnenburg - ottobre 2016
21  Stephan Vogt - aprile 2017
22  Simon Lorenzi - aprile 2017
23  Stefan Scarperi - novembre 2018
24  Adrian Chmiała - maggio 2019
25  Melissa Le Neve, prima femminile - aprile 2020

Another great story of female resilience: Melissa Le Neve sends the mythical “Action Directe”, Gullich’s 9a, which has become the world’s benchmark and in ballot with the British “Hubble” for being the first 9a in the world. A route considered “impossible” for women because of the very long and physical initial jump, to the legendary mono that has precluded attempts by so many top climbers. The route, after Wolfgang Gullich, was repeated by the local Alexander Adler and then by Iker Pou, first of the world’s top climbers, followed by Ondra and Megos, who had the fastest success. Moroni, Carnati and Scarperi for the Italians.
But the first female was missing. “One year 2 months and 4 days, 6 years of my life thinking about that day over and over again. An incredible number of attempts, six attempts in a row falling three moves from the end. 12 climbing companions, one life companion, Fabian Buhl, who supported me enormously.” These are the first words of Melissa, who entrusted very few words to the internet media, wanting to reserve “the juice” for the international paper magazines. Among these Pareti, that will dedicate to her the cover of the summer issue and a long interview.
Above is the updated list of RPs at “Action directe”. We have not included the ascents of British Richard Simpson (2005) and Swedish Said Belaj (2019) as we do not believe they are supported by credible evidence.

here are the first Melissa’s words:

Wolfgang Güllich. 9a. – The classic. The legend. The first.
… What a journey … what an inspiring person… what a fight… but also “une histoire d’amour”… everything I searched in climbing.
I was hoping this moment wiIl arrive for ages. Never I would have imagined how emotional it would be to clip the anchor. I totally fell in love with the process, to solve the puzzle and unlock this jump. So obsessed that it thought me patience. Years of commitment, ups and downs, hope and many doubts.
It would never has been possible alone. The frankenjura community welcomed me with an open heart and I’m so thankful for it. The support I received from Fabian and my friends was the light on this journey ✨ Those magical moments in the forest that fulfilled my heart for 6 years.
It was my dream and became @guillaumelevernier ‘s one. He gave me his full support with a genius training plan. Sharing this goal and seeing his motivation helped me to become self confident, to be persistent, and finally give it all in the moment. 📸 @fabi_buhl , the multiple talented amazing person I’m lucky to share my life with.
Also thank you and Andy for the countless hours we spend in the wood !

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: