Notizie – Pareti Climbing Magazine https://pareti.it Alpinismo, Climbing, Bouldering Wed, 16 Sep 2020 18:08:41 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=5.5.1 139195174 Larcher e Zangerl: Odyssèe in 16 ore https://pareti.it/larcher-e-zangerl-odyssee-in-16-ore/ Wed, 16 Sep 2020 18:08:37 +0000 https://pareti.it/?p=6953 La coppia di nuovo sull’Eiger ‘Odyssee’ era stata aperta nel 2015 da Roger Schaeli, Simon Gietl e Robert Jasper ed è la più dura Big Wall dell’eider, con 33 tiri fino all’8a+, per un totale di 1400 di sviluppo. Larcher e Zangerl ci avevano già provato nel 2018, e poi in Agosto, ma la ripetizione […]]]>

La coppia di nuovo sull’Eiger

‘Odyssee’ era stata aperta nel 2015 da Roger Schaeli, Simon Gietl e Robert Jasper ed è la più dura Big Wall dell’eider, con 33 tiri fino all’8a+, per un totale di 1400 di sviluppo. Larcher e Zangerl ci avevano già provato nel 2018, e poi in Agosto, ma la ripetizione era fallita a causa delle condizioni della parete. Stavolta Jacopo e Babsi sono passati scalando in libera tutti i tiri. Ecco il testo integrale in inglese:

On Monday, the 14th of September 2020, Italian climber Jacopo Larcher and his Austrian partner Babsi Zangerl completed a one-day ascent of ‘Odyssee’ on the Eiger North Face.

‘Odyssee’ was first established, in 2015, by Roger Schaeli, Simon Gietl and Robert Jasper and is believed to be the most difficult big wall free-climb on the Eiger.

The route consists of 33 pitches, with difficulties up to 8a+ and a total length of 1400m.

It’s Larcher and Zangerl’s second ascent of the route, having previously climbed it back in 2018, taking 4 days.


Babsi reported:


In 2018 we tried Odyssee groundup the first time. The goal was to climb as far as we can and try to redpoint the newish line from Roger Schäli Simon Gietl and Robert Jasper which is reputed to be the hardest freeclimb on the Eiger.

We packed all the stuff we would need for sleeping on the wall a few days, we were not sure how long it would take us to reach the top and if we could even make it, as we didn’t know anything about the difficulties of the route. 

When we reached the top at midday on day 4, we couldn’t have been happier. Being in the sun up there with the Jungfrau in the background -what a view and what an intense experience on the Eiger. 

This was the moment we started to think about how it would be to try such a big and intimidating route (with 33 pitches in total) in just a single day. 

We knew that this would become a goal for us in the upcoming years. Until then, we had always climbed those big walls in a single push, we didn’t care too much about the time. The most important thing to us was always to climb groundup and climb everything free and redpoint. But, it was intriguing to us to see what was possible, if we cut out all of the heavy gear, left the haul bags at home and just focussed purely on the climbing. Trying to be as efficient as possible.

This year in middle of August we returned to the Eiger. 

The plan was to climb up the wall-checking out some details of the crux pitches and try to climb them fast. At the same time, we prepared the wall with some static lines for the filming crew, who followed us on our adventure. We put some chalk marks on the crux holds before we wanted to give it a proper try.

We stayed a few days on the wall-waiting out the very bad weather. Three days we stayed in a cloud—climbing on very damp holds and freezingcold conditions. 

Then we got rewarded with best weather conditions. The wall dried up completely. I never saw the wall in such good conditions. There was not a single wet hold. 

It felt like a different game  for a few days, at least. The only thing was that we were pretty late in finishing our preparations and missed our moment to go for the send before the weather changed again

It started to snow; half a meter of fresh snow on top of the Eiger. 

That could have been the end of our journey. Did it make sense to spend any more motivation on this objective when we knew the dry conditions are probably gone for the whole season? 

We tried to remain positive and decided, if a good window arrived, we would have one last shot

Then the moment arrived, the conditions seemed to be as good as we were going to get, at this stage.

We climbed fast, we felt pretty solid on the hardest part of the wall. No falls before we reached the spicy part shortly before the czech bivi 2. Then, we heard the water dripping from above.

4 completely wet pitches from 6c+-7c. We fought very hard—and it took us some time to get over those challenging pitches. It was a lot of luck that we made it through. You basically can slip off at any moment on this wet part of the wall. 

We’ve made it!”, we thought to ourselves

 Pitch after pitch we got more and more optimistic. The upper part of the wall went down pretty fast. We were just 3 pitches away from the top, with only 16 hours elapsed. 

Jacopo and I were 100% sure it was in the bag – but, The Eiger is The Eiger.  You can never be so sure.

Suddenly, the whole day flipped 180 degrees and became, probably, the most challenging climbing day we have ever had. The Eiger can be very pretty, like the climbing in Rätikon but within a very short time it can change dramatically and then you experience how serious the North face can really be! 

It started to hail and rain cats and dogs, as I was in the middle of the second to last pitch. I got soaking wet—with no possible way to reach the next belay and no way to climb down. (No fixed protection on this pitch) I had to improvise and found a good solution to get back to Jacopo. In this situation we perfectly worked together as a team thanks to all the adventures we experienced together. The temperatures dropped to freezing cold and the water turned into ice. We rappelled 31 pitches in a waterfall. 

When we reached the bivi and our warm sleeping bags (at 10p.m.) we couldn‘t be any happier!! That was better than any top or any success or summit. Just glad we made it back. It didn’t even matter that we had to bail at the second last pitch. We always learn from our experiences in the mountains! We had made a misjudgement and got into trouble.

That drained a lot of energy and motivation. “Maybe, we should really give up now”

As we were descending, we thought that maybe we should just be happy with that performance and leave it how it was. This was the most challenging climbing experience I have had in my life. Did I want to repeat it?

But, as soon we reached the warm bivi we had already decided that we had to come back.

So, we waited for another chance. The weather forecast promised us perfect weather without any chance of a thunderstorm.  Fingers crossed.

Two days later we were back on the wall. (We still had some tiredness in the bones from the last try)

Early this Monday morning, at 1.30 AM, we started. We climbed the first half of the route in the dark. 

The spicy part of the wall was still very wet…but at least we didn’t have to climb in a shower of water. 

We were 3 hours faster than ever before…and reached the czech bivi at half past 7 in the morning. 

The psych was high and we were enjoying giving everything we had as climbed fast through the upper part of the wall. 

Everything was in perfect conditions in the upper part and the weather looked great. 

We arrived at the last hard crux part of the wall. Jacopo didn’t take any rest after the last steep 7c and directly leaded up the 8a pitch. He was pumped and fell!

But as soon he got back to the last belay he started again and made it up to the next belay without falling. Soon, we reached the point where we had to bail last time. 

I was pretty nervous on the 6b pitch where I had previously gotten in trouble, but this time the weather was still clear and it was easy to find the next anchor. Just two easy pitches before the top. 15 hours gone.

It was Jacopo’s turn to lead the wet gully, we took extra care and moved slowly on these last pitches. It was quite dangerous up there. The final part was partly covered in ice and you don’t want to take a big fall up there. 

At 5.30 PM, we both were standing on the top. We were elated! It was a really hard and demanding time to finallysucceed on this mythical Eiger North Face. What an unforgettable adventure!!

Our time at the end was exactly 16h.” 

Babsi and Jacopo’s time, is the fastest ever recorded on the route.

Their adventure was captured on film and will feature in an upcoming film by Black Diamond.

]]>
6953
Megos flasha Undergroud 9a https://pareti.it/megos-flasha-undergroud-9a/ Tue, 15 Sep 2020 07:39:29 +0000 https://pareti.it/?p=6948 Il tentativo a lungo rimandato è andato a buon fine ieri “Underground” al settore Pueblo di Massone (Arco) è stato il primo 9a in terra italiana, liberato dal gardenese Manfred Stuffer. Da allora la via è diventata una specie di “stress test” per gli aventi diritto al grado, almeno su inclinazioni così forti; e per […]]]>

Il tentativo a lungo rimandato è andato a buon fine ieri

“Underground” al settore Pueblo di Massone (Arco) è stato il primo 9a in terra italiana, liberato dal gardenese Manfred Stuffer. Da allora la via è diventata una specie di “stress test” per gli aventi diritto al grado, almeno su inclinazioni così forti; e per alcuni è stato anche il primo 9a in assoluto. Laura Rogora recentemente l’ha usata come trampolino di lancio verso il secondo 9b mondiale; è una via che non potrà secondo noi avere una prima vera on sight, effetto perverso della modernità, dei video e del suo essere così facilmente filmabile dall’inizio alla fine, sviluppandosi dall’interno di una ex cava verso una uscita praticamente ad altezza-uomo. Basta googlare “underground-video” per scoprirne tutti i segreti, compreso quello del boulder finale. Ma una ripetizione flash, quella sì, era legittima e mancava fino a ieri, quando Alex Megos ha deciso che era venuto il momento di rompere gli indugi e lanciarsi in un tentativo a lungo rimandato, in attesa della giornata giusta. Il local d’importazione Cesar Grosso l’ha istruito a dovere sulle prese e sui movimenti ed è andata a buon fine: Underground ha ora la sua prima ripetizione flash, riportata parzialmente in un video sulla pagina Instagram di Alex.

]]>
6948
Berni Rivadossi ripete il capolavoro di Pedeferri https://pareti.it/berni-rivadossi-ripete-il-capolavoro-di-pedeferri/ Mon, 14 Sep 2020 11:06:53 +0000 https://pareti.it/?p=6943 “Adventure time” alla Meridiana del Torrone Prima ripetizione “single push” per il fuoriclasse di Borno sul capolavoro di Simone Pedeferri, “Adventure time” sulla impressionante parete della Meridiana del Torrone. Accompagnato da Marco Zanchetta e dopo precedenti perlustrazioni con Luca Schiera, Berni ha confermato ancora una volta che l’exploit di Freeride sul Capitan è stata tutt’altro […]]]>

“Adventure time” alla Meridiana del Torrone

Prima ripetizione “single push” per il fuoriclasse di Borno sul capolavoro di Simone Pedeferri, “Adventure time” sulla impressionante parete della Meridiana del Torrone. Accompagnato da Marco Zanchetta e dopo precedenti perlustrazioni con Luca Schiera, Berni ha confermato ancora una volta che l’exploit di Freeride sul Capitan è stata tutt’altro che una prova isolata di una bravura che in Italia non ha a tutt’oggi paragoni. Berni pubblica con poche righe quello che fa sui social, e nessuna agenzia di stampa, di quelle che magari divulgano anche una banale salita sul Monte Bianco dalla Normale, lo rimbalza agli organi di stampa. Il disegno della via, “made in Pedeferri” che è anche un pittore di successo, spiega da solo che cosa è riuscito a fare Berni ripetendo tutti i tiri RP senza scendere a terra. Si tratta di una delle più dure multipitch mondiali con un tiro chiave di 8bc…

]]>
6943
Vandalismo nell’alpinismo https://pareti.it/vandalismo-nellalpinismo/ Mon, 14 Sep 2020 10:06:11 +0000 https://pareti.it/?p=6934 Schiodata “Dolmen”, gioiello trad di Larcher Su Pareti di carta avevamo dedicato breve articolo e copertina a un monotiro dolomitico del tutto inusuale: una via trad (+ tre spit dove improteggibile) di 25 metri, chiamato “Dolmen”, individuata, preparata e liberata da Rolando Larcher. Rolando è uno che odia i pasticci verticali e le sue vie, […]]]>

Schiodata “Dolmen”, gioiello trad di Larcher

Su Pareti di carta avevamo dedicato breve articolo e copertina a un monotiro dolomitico del tutto inusuale: una via trad (+ tre spit dove improteggibile) di 25 metri, chiamato “Dolmen”, individuata, preparata e liberata da Rolando Larcher. Rolando è uno che odia i pasticci verticali e le sue vie, da Hotel Supramonte ai gioielli in Marmolada, hanno sempre un marchio di fabbrica riconosciuto e ricercato dai migliori alpinisti e climbers mondiali. Questo per dire che anche “Dolmen”, nel suo essere un semplice monotiro molto raggiungibile dalla strada che scende dal Passo Sella, seguiva la falsariga delle sue altre opere verticali. Uno spit serviva a scendere dalla cengia, uno proteggeva un passo altrimenti “groundfall”, l’ultimo separava la via dalla vicina Menhir, storico 8b a fix, unica via sportiva “tollerata” dagli altoatesini in quella porzione di parete. Parete peraltro circondata da falesie come Frea o Cansla, tempestate di spit.

Sapendo di questa sorta di “riserva verticale”, Rolando aveva avvisato alcuni dei locals di avere intenzione di tentare trad, e dal basso, quella linea per il resto protetta da clessidre e da Friends. Il tiro, attorno all’8a, era stato ripetuto anche da alcuni forti altoatesini e l’olimpionico Piccolruaz aveva anche pubblicato una sua foto sanguinante per via di un friend saltatogli in faccia durante un tentativo. Insomma, quanto di più lontano dalla spittatura commerciale e seriale delle falesie di oggi.

Michele Caminati, che già aveva ripetuto “Menhir”, è andato per provare “Dolmen” e ha trovato tutto distrutto: sosta, fix e anche i cordini lasciati nelle clessidre. Ovviamente non si sa chi sia o siano stati gli autori di questo gesto di razzismo verticale, un atto vandalico con l’aggravante della vigliaccheria. Una cosa compiuta in segreto e senza una rivendicazione che almeno spiegasse le presunte ragioni del gesto. Quel che è certo è che la linea non era sportiva e rispettava in pieno l’etica di quanto si trova su alcune multipitch limitrofe, peraltro più facili dal punto di vista del grado.

Dovessero esserci delle evoluzioni nella vicenda e/o gli autori del gesto dovessero rivendicare la cosa… vi faremo sapere.

]]>
6934
Chuck Odette arriva all’8c a 64 anni https://pareti.it/chuck-odette-arriva-all8c-a-64-anni/ Fri, 11 Sep 2020 12:55:23 +0000 https://pareti.it/?p=6927 Un progetto pluriennale a Maple Canyon, Utah “Never over til it’s over”, dicono gli americani. Non è finita finché non è finita. Nessuna espressione rappresenta meglio questi ultimi cinque anni di passione verticale per Chuck Odette, che era già forte negli anni ’80 ma non forte quanto adesso, che di anni ne ha 64 e […]]]>

Un progetto pluriennale a Maple Canyon, Utah

“Never over til it’s over”, dicono gli americani. Non è finita finché non è finita. Nessuna espressione rappresenta meglio questi ultimi cinque anni di passione verticale per Chuck Odette, che era già forte negli anni ’80 ma non forte quanto adesso, che di anni ne ha 64 e non va certo alla caccia di placche d’equilibrio per far finta che il calo della forza non esista. Si attacca invece ai grandi strapiombi della grotta principale di Maple Canyon, Utah, dove grossi bulbi di conglomerato si succedono dall’inizio alla fine su forti inclinazioni. Roba da ragazzini, in teoria, e Chuck del ragazzino ha solo la testa. Da due anni provava questa “T-Rex”, valutata 5.14b (8c), che ora è probabilmente il nuovo record mondiale nel rapporto età/grado. Un bel modo di essere pensionati, anche perché la passione è condivisa con la moglie Maggie, con la quale viaggiano attraverso gli States per arrampicare e sono diventati i “custodi” del campground di Maple Canyon. Chuck scala dal ’74, ha fatto il primo 5.13a (7c+) a 37 anni; il primo 8b+ a 44. E ora l’8c a 64! Foto Eric Steiner

]]>
6927
I Pou di nuovo estremi ai Picos de Europa https://pareti.it/i-pou-di-nuovo-estremi-ai-picos-de-europa/ Fri, 11 Sep 2020 09:55:21 +0000 https://pareti.it/?p=6917 Questa volta sulla Peña Santa Un’altra via estrema sulla Cordillera Cantabrica (Picos de Europa, Asturie) per i fratelli Pou, che si sono divertiti, in questi anni, ad assistere al pellegrinaggio dei big sulla loro “Orbayu” al Naranjo de Bulnes. Ecco ora una cima meno iconica ma assolutamente non meno difficile, anzi. Dopo cinque dure settimane […]]]>

Questa volta sulla Peña Santa

Un’altra via estrema sulla Cordillera Cantabrica (Picos de Europa, Asturie) per i fratelli Pou, che si sono divertiti, in questi anni, ad assistere al pellegrinaggio dei big sulla loro “Orbayu” al Naranjo de Bulnes. Ecco ora una cima meno iconica ma assolutamente non meno difficile, anzi. Dopo cinque dure settimane di lavoro, i fratelli Pou e Kico Cerdá hanno raggiunto la cima della Peña Santa de Castilla 2.596 mt dopo l’apertura e la RP di “RAYU”, nome locale per fulmine . Il nome si riferisce alla luce che forma la roccia nel passo decisivo della via.
La via di 600 metri di sviluppo arriva fino all 8c e i fratelli baschi
sono convinti che, data l’eccezionale qualità, diventerà una
classica che sarà tentata dai migliori scalatori del mondo.
La prima parte è composta da sette tiri (circa 300 m) con difficoltà
che non superano il 7b (5.12b), ma quasi non ci sono fix o al massimo uno o due, per cui fisicamente e psicologicamente è impegnativo, in molti punti le cadute sono potenzialmente molto pericolose
“dice Eneko.
“Il secondo tratto è costituito da altri sette tiri (circa 300 m), ma è più difficile, molto verticale, nel range continuo 7a-7c e fino all’8c (5.14b). Anche queste sezioni sono comunque poco protette e da integrare con materiale mobile.
Questa è stata la sezione dove abbiamo trovato lungo, tanto da dubitare nel successo” dice Iker. “Ci sono stati giorni di maratona fino a 18 ore consecutive …, abbiamo finito su distrutti…, ma noi siamo felici, abbiamo dato tutto, e quando si fa uno sforzo al 100%, hai un ottimo sapore in bocca”. Il giro ground up della rotpunkt è durato ben 12 ore.

DCIM\100GOPRO\GOPR0487.JPG
]]>
6917
Andrea Chelleris (11 anni) all’ 8c https://pareti.it/andrea-chelleris-11-anni-all-8c/ Wed, 09 Sep 2020 08:23:30 +0000 https://pareti.it/?p=6902 Esplosione del giovane fenomeno friulano Annunciato come un vero campione “in fieri” nel tam tam delle falesie, il giovanissimo Andrea Chelleris è letteralmente esploso quest’estate, segnando una impressionante progressione sul lavorato: passa quindi solo un anno esatto del primo 8a (“il sentiero dei giganti” a Cavazzo) al primo 8c (“La super nera” al Baratro, una […]]]>

Esplosione del giovane fenomeno friulano

Annunciato come un vero campione “in fieri” nel tam tam delle falesie, il giovanissimo Andrea Chelleris è letteralmente esploso quest’estate, segnando una impressionante progressione sul lavorato: passa quindi solo un anno esatto del primo 8a (“il sentiero dei giganti” a Cavazzo) al primo 8c (“La super nera” al Baratro, una via intuita e liberata da Martin Wagner e ripetuta dalla campionessa slovena Mina Markovic. Andrea Chelleris non è solo un giovane fenomeno verticale, ma va MOLTO forte anche nello sci. Staremo a vedere, ma per ora siamo davvero ai parametri età/prestazione in linea con i migliori del mondo!

]]>
6902
La “Terra Incognita” siberiana è ora in video https://pareti.it/la-terra-incognita-siberiana-e-ora-in-video/ Wed, 02 Sep 2020 07:49:50 +0000 https://pareti.it/?p=6891 L’avventura di Kilian Fischhuber & Co. Abbiamo dedicato un breve articolo e una copertina su Pareti di carta a questa avventura fuori dal mondo e fuori dal tempo che ha portato un manipolo di climberg ala ricerca di torri di granito che forse esistevano e forse no. Ora l’avventura è in video! Ispirato dalle immagini […]]]>

L’avventura di Kilian Fischhuber & Co.

Abbiamo dedicato un breve articolo e una copertina su Pareti di carta a questa avventura fuori dal mondo e fuori dal tempo che ha portato un manipolo di climberg ala ricerca di torri di granito che forse esistevano e forse no. Ora l’avventura è in video!

Ispirato dalle immagini scattate durante un volo in elicottero con l’obiettivo di contare le mandrie di renne selvatiche, l’esploratore e fotografo russo Sergey Karpukhin nel 2016 è stato il primo a visitare i pilastri di roccia nell’entroterra siberiano, che ha chiamato Granite Cities of Ulakhan-Sis. Nel 2018, è stato raggiunto da Kilian Fischhuber, insieme al tedesco Robert Leistner e alla russa Galya Terenteva, per diventare i primi scalatori a mettere le mani su queste torri mistiche.
Arrivarci si è già rivelato un’avventura a sé stante. Il team è volato a Belaya Gora, in alto a nord, nella Repubblica di Sakha, da dove ha risalito il fiume Indigirka con una barca per circa 200 km. All’uscita dalla barca, tre giorni di punizione per la tundra li hanno portati alle colonne di roccia.
Per il 36enne Fischhuber, che ha girato il mondo come scalatore sia per le gare che per l’arrampicata su roccia, questo viaggio ha decisamente alzato l’asticella in termini di esplorazione. “Avevamo visto le foto di Sergey e pensavamo che ci sarebbero state delle possibili arrampicate. Ma con questo sforzo anche solo per arrivarci, ci sono sicuramente momenti in cui si comincia a dubitare”. Fischhuber riflette sugli scontri tra immaginazione e realtà di cui parla anche nelle conferenze che tiene su questa memorabile spedizione.
Si ritiene che le forme strane siano scolpite dal gelo e dallo scongelamento implacabile, e sono questi cambiamenti estremi di temperatura che hanno influito anche sulla qualità del granito, che hanno reso l’arrampicata ancora più impegnativa per il trio.
Robert Leistner, uno dei più noti protagonisti degli alpinisti dell’Elbsandstein, che ha molta familiarità con le torri di arrampicata in condizioni di scarsa protezione, ha descritto una delle sue prime ascensioni nella natura selvaggia siberiana come la sua “scalata psicologicamente più impegnativa mai fatta”.
La nativa russa Galina Terenteva dice che “si ricorderà di questo posto e di questo paesaggio per tutta la vita, è difficile descriverlo perché sembra di essere in un altro mondo”. Lei e tutti gli altri membri delle spedizioni concordano con Karpukhin che queste formazioni di granito dovrebbero diventare patrimonio dell’umanità dell’UNESCO.
“Mi sembra un piacere avere questo film per ricordare questa avventura unica. Tornerò io stessa a vivere quello che abbiamo vissuto guardandolo”. Ciò che sembra una seccatura in questo momento diventa molto gratificante quando ci si guarda indietro”. Fischhuber dice ricordando l’avventura che ha portato lui e i suoi amici a ‘Terra Incognita’.

]]>
6891
Ghisolfi vicino a “The Change” 9b+ https://pareti.it/ghisolfi-vicino-a-the-change-9b/ Tue, 01 Sep 2020 08:33:15 +0000 https://pareti.it/?p=6881 …e confronta i modi di fare il crux (suo e di Ondra) Stefano Ghisolfi ha concluso la fase di studio delle diverse sezioni di “The Change”, il mostro di Ondra a Flatanger che è stato il primo 9b+ mondiale. Estremamente fisico e complicato nella sezione chiave, Stefano ne pubblica una interessante visione in parallelo dei […]]]>

…e confronta i modi di fare il crux (suo e di Ondra)

Stefano Ghisolfi ha concluso la fase di studio delle diverse sezioni di “The Change”, il mostro di Ondra a Flatanger che è stato il primo 9b+ mondiale. Estremamente fisico e complicato nella sezione chiave, Stefano ne pubblica una interessante visione in parallelo dei due sistemi di affrontare il tratto più duro (suo e di Adam). Ora Stefano inizierà il processo dei tentativi “seri” dal basso, per cercare di concatenare il tutto. Foto Sara Grippo.

]]>
6881
Coppa del Mondo o Coppa Europa? Laura Rogora domina la semifinale https://pareti.it/coppa-del-mondo-o-coppa-europa-laura-rogora-domina-la-semifinale/ Fri, 21 Aug 2020 23:00:39 +0000 https://pareti.it/?p=6863 La pandemia decima le presenze alla prima Ifsc. Che ci fosse bisogno di avere di nuovo le gare mondiali è indubbio. Ma che la prima di Briancon non potesse essere niente di più di una Coppa riservata agli atleti europei era prevedibile e inevitabile. Oltre a questa voglia di rinascita l’ altra nota positiva viene […]]]>

La pandemia decima le presenze alla prima Ifsc.

Che ci fosse bisogno di avere di nuovo le gare mondiali è indubbio. Ma che la prima di Briancon non potesse essere niente di più di una Coppa riservata agli atleti europei era prevedibile e inevitabile. Oltre a questa voglia di rinascita l’ altra nota positiva viene dalla forma di Laura Rogora, prima in qualifica con la Garnbret e primissima da sola in semifinale, con la slovena ferma allo stesso filtro di Giorgia Tesio, cresciuta tantissimo nella lead e in finale a nutrito parimerito con altre sei. Nel maschile Ondra, Schubert, Megos, Skofic saranno in finale Domani dalle 17,30. Foto di Stytse Van Looten

]]>
6863