Materiali – Pareti Climbing Magazine https://pareti.it Alpinismo, Climbing, Bouldering Thu, 10 Sep 2020 11:52:44 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=5.5.3 139195174 La Sportiva apre un monomarca a Kalymnos https://pareti.it/la-sportiva-apre-un-monomarca-a-kalymnos/ Thu, 10 Sep 2020 11:52:42 +0000 https://pareti.it/?p=6912 Il primo in Grecia per l’azienda trentina La Sportiva apre un monomarca in un altro dei luoghi iconici per il climbing, un altro di quei posti dove devi andare a scalare almeno una volta nella vita: Kalymnos; l’isola verticale, “scoperta” da Andrea di Bari oltre trent’anni fa, è diventata presto una delle principali destinazioni per […]]]>

Il primo in Grecia per l’azienda trentina

La Sportiva apre un monomarca in un altro dei luoghi iconici per il climbing, un altro di quei posti dove devi andare a scalare almeno una volta nella vita: Kalymnos; l’isola verticale, “scoperta” da Andrea di Bari oltre trent’anni fa, è diventata presto una delle principali destinazioni per i climbers provenienti da tutto il mondo e ha “resistito” anche alla contrazione dei collegamenti aerei degli ultimi cinque anni. Ecco il comunicato stampa della casa trentina:

Arco e Finale Ligure in Italia, poi Rodellar e Siurana in Spagna ed oggi Kalymnos in Grecia: il marchio della Val di Fiemme leader mondiale nella produzione di calzature ed abbigliamento outdoor, presente in oltre 70 Paesi al mondo e con il suo quartier generale ai piedi delle Dolomiti, prosegue l’espansione della rete di negozi mono-marca nelle principali destinazioni d’arrampicata europee. 
A fine luglio ha infatti aperto a Kalymnos il climbing store griffato La Sportiva che mira ad essere il punto di riferimento non solo per i climber della zona ma per tutti coloro che visitano ogni anno la città greca e le sue pareti di roccia, attirati da settori ormai celebri quelli “La Grande Grotta”, “Odyssey” ed “Arxi”, falesie che continuano ad affascinare migliaia di appassionati e che sono soliti alternare roccia e mare in un connubio di sport e relax che ha pochi altri eguali.
“Si tratta di un’area strategica per il nostro marchio – commenta Andrea Bonetto, Retail Manager – che si inserisce perfettamente nel percorso evolutivo dell’azienda e ne richiama allo stesso tempo la grande tradizione nel mondo dell’arrampicata: Kalymnos è una delle climbing destinations favorite dalla community degli arrampicatori europei che organizzano le vacanze alla ricerca dei climbing spot più belli e sfidanti”. 


Fondata nel 1928 da Narciso Delladio e resa celebre nel mondo da Francesco Delladio, ancora oggi  a conduzione famigliare al 100%, guidata dall’amministratore delegato e presidente Lorenzo Delladio e dalla quarta generazione della Famiglia Giulia Delladio, La Sportiva si è evoluta in anni recenti da azienda calzaturiera a marchio globaleattraverso un’offerta completa che copre tutti i modi di andare in montagna e che si struttura su linee di abbigliamento e calzature sia tecniche che tempo libero. “La Sportiva si rivolge oggi a milioni di appassionati di diverse tipologie di sport outdoor  – dice Umberto Camuffo, Area Manager Grecia – tuttavia l’arrampicata e la sua community sempre in crescita, rappresenta il core di un’azienda che ne ha seguito le sue evoluzioni fin dal giorno uno, agli albori del movimento arrampicatorio negli anni ’70. Per questo aprire un Brand Store a Kalymnos, mecca dell’arrampicata mondiale, ha un significato davvero particolare.”

Partner fondamentale nell’operazione e gestore del nuovo Store greco è la company Dimitriadis S.a., distributore ufficiale del marchio trentino. “Kaly è la destinazione naturale per La Sportiva – dice Sophia Lagoudi, franchiser dello Store – collaboro con il brand da oltre 15 anni e basta fermarsi anche per pochi minuti ad osservare le falesie che ci circondano per capire quanta passione c’è per l’arrampicata in questi luoghi. Ho deciso di trasferirmi qui nel 2003 aprendo il primo negozio d’arrampicata dell’isola ed iniziando a collaborare con La Sportiva già nel 2006. L’idea di aprire un brand-store è nata un paio di anni fa parlando con Umberto e ad ottobre 2019 l’idea si era già trasformata in un progetto concreto. Nemmeno il COVID ha frenato l’entusiasmo: abbiamo rimandato di qualche mese l’evento di inaugurazione ufficiale in rispetto di tutte le norme di sicurezza ed ora eccoci qua: Kaly Store is now open!”
Lo Store greco si trova in via Masouri Village ed è il nuovo punto di riferimento per gli appassionati arrampicata, nato da climbers per i climbers.  #ForYourMountain 

Arco and Finale Ligure in Italy, then Rodellar and Siurana in Spain and today Kalymnos in Greece: the brand from Val di Fiemme, world leader in the production of outdoor footwear and clothing, present in over 70 countries around the world and with its headquarters at the foothills of the Dolomites, continues the expansion of the mono-brand store network in the main European climbing destinations. 
In fact, at the end of July, the La Sportiva branded climbing store opened in Kalymnos with the aim of becoming the reference point not only for climbers in the area but for all those who visit the Greek city and its rock faces every year, attracted by sectors that have now become famous such as “La Grande Grotta”, “Odyssey” and “Arxi”, cliffs that continue to fascinate thousands of enthusiasts who are used to alternating rock and sea in a combination of sport and relaxation that has few other equals. 


“This is a strategic area for our brand – comments Andrea Bonetto, Retail Manager – which fits perfectly into the company’s evolutionary path and at the same time recalls its great tradition in the world of climbing: Kalymnos is one of the climbing destinations favoured by the community of European climbers who organize holidays in search of the most beautiful and challenging climbing spots “.

Founded in 1928 by Narciso Delladio and made famous throughout the world by Francesco Delladio, still 100% family-run today, led by the CEO and President Lorenzo Delladio and by the fourth generation of the family, Giulia Delladio, La Sportiva has evolved in recent years from a footwear company to a global brand through a complete offer that covers all forms of mountaineering and which is structured on both technical and leisure clothing and footwear lines. “La Sportiva today addresses millions of enthusiasts of different types of outdoor sports – says Umberto Camuffo, Area Manager Greece – but climbing and its ever-growing community represent the core business of a company that has followed its evolutions since day one, at the dawn of the climbing movement in the 70s. This is why opening a Brand Store in Kalymnos, a mecca of world climbing, has a very special meaning. “

Key partner in the operation and manager of the new Greek Store is the company Dimitriadis S.a., official distributor of the Trentino brand. “Kaly is the natural destination for La Sportiva – says Sophia Lagoudi, franchiser of the Store – I have been collaborating with the brand for over 15 years and you just need to stop for a few minutes to observe the cliffs that surround us to understand how much passion there is for climbing around here. I decided to move here in 2003 opening the first climbing shop on the island and starting to collaborate with La Sportiva back in 2006. The idea of opening a brand-store originated a couple of years ago talking with Umberto and by October 2019 the idea had already turned into a concrete project. Not even COVID has curbed enthusiasm: we postponed the official inauguration event for a few months in compliance with all safety regulations and now here we are: Kaly Store is now open! “


The Greek Store is located in via Masouri Village and is the new reference point for climbing enthusiasts, created by climbers for climbers.  #ForYourMountain

]]>
6912
Scarpa si rifà il look https://pareti.it/scarpa-si-rifa-il-look/ Wed, 09 Sep 2020 10:23:18 +0000 https://pareti.it/?p=6907 Completato il rebranding del marchio veneto SCARPA, azienda italiana leader nella produzione di calzature da montagna e per le attività outdoor, annuncia di aver completato il rinnovamento dell’immagine aziendale, in un’operazione volta a modernizzare tutti gli elementi visivi associati al brand internazionale con sede ad Asolo.L’identità dell’azienda resta radicata nella lunga tradizione di eccellenza e […]]]>

Completato il rebranding del marchio veneto

SCARPA, azienda italiana leader nella produzione di calzature da montagna e per le attività outdoor, annuncia di aver completato il rinnovamento dell’immagine aziendale, in un’operazione volta a modernizzare tutti gli elementi visivi associati al brand internazionale con sede ad Asolo.
L’identità dell’azienda resta radicata nella lunga tradizione di eccellenza e innovazione del marchio, simboleggiata dal pay-off “No Place Too Far”, ma ogni elemento visivo è stato migliorato per renderlo più fresco e più vicino ai valori aziendali: dall’ottimizzazione dell’iconico logo “SCARPA”, reso più moderno ed espressivo, all’ampliamento della gamma di colori, incentrata su un nuovo tono che evolve il tradizionale colore ottanio dell’azienda. A tal scopo è stato anche sviluppato un nuovo carattere tipografico proprietario, elaborato in una serie flessibile di pesi e varianti.
Questa identità visuale, realizzata insieme a Landor, agenzia leader mondiale nel Brand Consulting e Experience Design, è stata declinata sui principali punti di contatto di SCARPA con i suoi interlocutori: dal packaging al sito, dai cataloghi agli spazi fieristici e aziendali. Infine, per lanciare nel mondo la nuova immagine sono stati sviluppati un format per la comunicazione pubblicitaria e delle linee guida per il digital.
Tutti gli asset visuali e le relative norme di utilizzo sono stati riportati in una piattaforma on-line sviluppata sempre da Landor, facilmente accessibile da ogni dispositivo e da tutto il mondo, che permetterà agli utilizzatori interni ed esterni all’azienda di gestire in modo coordinato e senza errori la nuova identità visiva.


La volontà di dotarsi di uno strumento così evoluto testimonia l’intenzione di SCARPA di proseguire nella propria espansione internazionale, pur in un momento così difficile per le imprese e l’economia italiana. L’azienda di Asolo vuole riprendere velocemente il percorso di crescita intrapreso negli ultimi anni, puntando sulla forza di un marchio che è diventato sinonimo di qualità e innovazione Made in Italy in tutto il mondo.
“Crediamo fortemente che per ripartire si debba scommettere sul fascino e sulla solidità del nostro brand”, commenta Diego Bolzonello, amministratore delegato di SCARPA. “Questo rinnovamento dell’immagine SCARPA ci aiuterà a ritornare presto sul sentiero che abbiamo tracciato negli ultimi anni: crescita sui mercati internazionali, consolidamento delle varie categorie di prodotto e impegno concreto per la sostenibilità ambientale e sociale”.
“È sempre difficile andare a toccare l’immagine di un’azienda che, per noi, rappresenta la storia della nostra famiglia” spiega il presidente di SCARPA, Sandro Parisotto. “Per questo raramente ci siamo impegnati in operazioni simili. Stavolta però si è trattato di un aggiornamento necessario, che conserva il meglio della nostra tradizione e la proietta nel futuro: siamo sicuri lancerà SCARPA verso un nuovo decennio di successi e innovazione.”

]]>
6907
La Sportiva e SAT assieme per 1% for the Planet https://pareti.it/la-sportiva-e-sat-assieme-per-1-for-the-planet/ Wed, 02 Sep 2020 10:29:34 +0000 https://pareti.it/?p=6895 Per la valorizzazione del territorio attraverso la manutenzione e riqualificazione di sentieri e rifugi. E’ stato ufficialmente siglato ieri sera l’accordo tra La Sportiva, brand trentino produttore di calzature ed abbigliamento outdoor e la Società Alpinisti Tridentini (SAT), sezione trentina del CAI che conta oltre 27.000 soci sul territorio ed ha tra i suoi obiettivi la manutenzione di oltre 5.500 […]]]>

Per la valorizzazione del territorio attraverso la manutenzione e riqualificazione di sentieri e rifugi.

E’ stato ufficialmente siglato ieri sera l’accordo tra La Sportiva, brand trentino produttore di calzature ed abbigliamento outdoor e la Società Alpinisti Tridentini (SAT), sezione trentina del CAI che conta oltre 27.000 soci sul territorio ed ha tra i suoi obiettivi la manutenzione di oltre 5.500 chilometri di sentieri e la diffusione attiva della cultura della montagna sul territorio regionale.

I prossimi 4 anni vedranno quindi due tra le realtà italiane più importanti in ambito montano, collaborare attivamente. Il brand trentino di abbigliamento e calzature sportive, che diventa ufficialmente Technical Partner,  destinerà risorse a tutte le attività della SAT in generale e a progetti fortemente legati alla valorizzazione e riqualificazione del territorio. Un esempio di attività della SAT immediatamente riconducibile alla cura del territorio riguarda la manutenzione dei sentieri in quota, una tradizione satina con 150 anni di storia che si inserisce nell’ambito del progetto globale di conservazione dell’ambiente che va sotto il nome di 1% For the Planet.  In generale peraltro tutte le Commissioni consultive e i Gruppi tecnici delle SAT saranno di fatto convolti a vario titolo in una visuale complessiva di riqualificazione ambientale del territorio. L’associazione internazionale 1% For the Planet alla quale La Sportiva aderisce ed alla quale ora anche la SAT partecipa, prevede l’impegno da parte delle aziende coinvolte nel destinare almeno l’1% del fatturato in pratiche di rispetto, conservazione e riqualificazione ambientale.

“Questa collaborazione – ha ricordato la Presidente della SAT Anna Facchini  durante l’incontro di ieri sera– ci permette di guardare al futuro con maggiore serenità e visione: con La Sportiva abbiamo un programma di medio/lungo termine che ci permetterà di sostenere diverse iniziative di valorizzazione del territorio e di diffusione della cultura di  montagna, anche attraverso il coinvolgimento attivo di testimonial, atleti ed influencer,  legati all’azienda e che ci permetteranno di amplificare il messaggio su tutti i canali di un brand internazionale e con radici ben salde nella propria comunità. Il progetto 1% For the Planet ed il progetto di co-marketing SAT / LA Sportivaconsentiranno inoltre il finanziamento di progetti e iniziative specifiche delle varie sezioni dell’associazione”.

“Quando si è presentata l’opportunità di supportare la SAT nelle sue numerose iniziative culturali – aggiunge Lorenzo Delladio, CEO e Presidente di La Sportiva – ho pensato che stava avvenendo in un momento particolarmente significativo: in seguito all’epidemia e all’esperienza di lock-down che tutti noi abbiamo vissuto, stiamo infatti vivendo una nuova stagione di rinascita per le attività outdoor, dove temi quali sicurezza e formazione legati all’andare in montagna, oltre che operazioni di manutenzione di rifugi e sentieri, sono quanto mai all’ordine del giorno viste le masse di persone spesso neofite che si stanno approcciando all’attività all’aria aperta in quota. A questo si aggiungono gli ingenti danni provocati ai nostri boschi dalla tempesta VAIA e che ancora richiedono numerosi interventi e risorse per il loro ripristino. A noi aziende ed enti presenti sul territorio spetta quindi il compito di supportare la riqualificazione per quanto nelle nostre forze e sensibilizzare sul giusto approccio alla montagna. Quella che poteva essere inizialmente una semplice collaborazione attraverso la produzione delle divise ufficiali SAT marchiate La Sportiva, si è ben presto trasformata quindi in qualcosa di molto più alto e di valore sia per i soci, che per gli appassionati di montagna che per l’azienda stessa.”

Per il brand della Val di Fiemme la collaborazione si aggiunge e completa, con una ricaduta immediata sul territorio di appartenenza, le attività pro ambiente raccolte nell’ultimo bilancio di responsabilità sociale che prevedono in seguito all’entrata in 1% For the Planet, importanti investimenti destinati annualmente ad iniziative, enti ed associazioni che contribuiscono attivamente alla salvaguardia dell’ambiente. I dettagli della collaborazione sono stati presentati ieri sera durante l’incontro con la presidenza della SAT, i presidenti delle Commissioni, dei Gruppi e l’organico del sodalizio. Inoltre da questa sera la presidenza della SAT ha organizzato un tour di sette incontri sezionali sui territorio con lo scopo di illustrare i capisaldi della collaborazione. Tra le numerose attività che si andranno ad individuare, l’accordo prevede una collaborazione attiva in ambito comunicazione, con scambi di visibilità e creazione di strumenti comuni, la produzione e fornitura in esclusiva di capi a marchio La Sportiva loggati SAT, collaborazioni su eventi e progetti di riqualificazione sentieri e rifugi, eventi culturali ed progetti editoriali,  scuola e formazione, medicina di montagna, tutela dell’ambiente montano, solidarietà, nelle scuole di formazione in ambito alpinistico e scialpinistico, glaciologia e speleologia,  progetti e attività delle sezioni .

#ForYourMountain

The agreement between La Sportiva, a Trentino brand that produces outdoor footwear and clothing, and the Società Alpinisti Tridentini (SAT), the Trento division of the CAI, (Italian Alpine Club) which has over 27 000 members in the area and has, among its objectives the maintenance of over 5000 km of mountain trails and the active widespread of the culture of mountaineering within regional borders, was officially signed. yesterday evening.

The next 4 years will therefore see two of the most important Italian realities in the mountain area, actively collaborate on activities strongly linked to the enhancement and redevelopment of the territory with land reclamation, cleaning and maintenance of paths and mountain huts, as part of the global project for the conservation of the environment that goes by the name of 1% For the Planet. The international association of which La Sportiva is a member provides for the commitment by the companies involved to allocate at least 1% of turnover to practices related to respect, conservation and requalification of the environment.

“This collaboration – states the President of SAT Anna Facchini – allows us to look to the future with great serenity and vision: with La Sportiva we have a medium / long-term program that will allow us to support various initiatives to enhance the territory and spread the culture of a sustainable approach to life in the mountains, also through the active involvement of testimonials, athletes and influencers linked to the company and which will allow us to amplify the message on all the channels of an international brand firmly rooted in its territory. “

“When the opportunity arose to support the SAT in its numerous cultural initiatives – adds Lorenzo Delladio, CEO and President of La Sportiva – I thought it was happening at a particularly significant moment in time: following the pandemic and the period of lock-down that all of us have experienced, we are in fact facing a new season of rebirth for outdoor activities, where issues such as safety and training related to venturing into the mountains, as well as maintenance operations of shelters and paths, are as much as ever on the agenda given the masses of people, often inexperienced newcomers, who are approaching high altitude outdoor activities. Added to this is the extensive damage caused to our woods by the VAIA storm and which still requires numerous interventions and resources for their restoration. It is therefore up to us companies and organizations present in the area to support the requalification of the territory, as far as our strength and sensibility is concerned and to raise awareness on the right way to approach the mountains. What could initially have been a simple collaboration through the production of official SAT La Sportiva-branded uniforms, soon turned into something much more important and of value for all those involved: members, mountain enthusiasts and the company itself. ” 

For the Val di Fiemme brand, this new collaboration is in addition and completion, with an immediate impact on the territory to which it belongs, of the pro-environment activities brought together in the latest social responsibility reportwhich, requests members, following entry into 1% For the Planet, to make important investments destined annually to initiatives, bodies and associations that actively contribute to the protection of the environment. The details of the collaboration were presented last night during the SAT shareholders’ meeting and include, among the numerous activities, an active collaboration on the communication side with exchanges of visibility and creation of common tools, the production and exclusive supply of La Sportiva branded garments bearing the SAT logo and collaboration on events and projects for the redevelopment of paths and shelters.


#ForYourMountain

]]>
6895
Studio inglese: il magnesio disattiva il Covid https://pareti.it/studio-inglese-il-magnesio-disattiva-il-covid/ Fri, 24 Jul 2020 13:03:45 +0000 https://pareti.it/?p=6751 Uno studio promosso dalla Associazione palestre inglesi Si chiama ABC (Association of British Climbing Walls) e ha commissionato un interessante studio a riguardo del comportamento del Covid-19 a contatto con il magnesio in polvere. In questi sette mesi di pandemia abbiamo letto e sentito tutto e il suo contrario; in questo caso anche che il […]]]>

Uno studio promosso dalla Associazione palestre inglesi

Si chiama ABC (Association of British Climbing Walls) e ha commissionato un interessante studio a riguardo del comportamento del Covid-19 a contatto con il magnesio in polvere. In questi sette mesi di pandemia abbiamo letto e sentito tutto e il suo contrario; in questo caso anche che il magnesio avrebbe potuto coadiuvare la diffusione del virus. Lo studio inglese invece avrebbe verificato il contrario, in un certo senso confortando e incentivando l’utilizzo del prodotto durante le fasi di scalata. Info (in inglese) qui.

]]>
6751
Scarpa riapre in modo covid compatibile https://pareti.it/scarpa-riapre-in-modo-covid-compatibile/ Fri, 08 May 2020 11:17:00 +0000 https://pareti.it/?p=6401 L’azienda di Asolo era stata una delle prime a chiudere SCARPA, azienda italiana leader nella produzione di calzature da montagna e per le attività outdoor, ha ripreso dall’inizio di questa settimana la normale attività nella sua sede di Asolo, dopo aver messo a punto un rigoroso protocollo anti-contagio per tutelare la salute dei propri dipendenti.L’azienda veneta, […]]]>

L’azienda di Asolo era stata una delle prime a chiudere

SCARPA, azienda italiana leader nella produzione di calzature da montagna e per le attività outdoor, ha ripreso dall’inizio di questa settimana la normale attività nella sua sede di Asolo, dopo aver messo a punto un rigoroso protocollo anti-contagio per tutelare la salute dei propri dipendenti.
L’azienda veneta, che a marzo era stata tra le prime a decidere di fermare gli stabilimenti, si è preparata a ripartire in piena sicurezza attraverso una serie di provvedimenti che hanno rivoluzionato spazi e tempi dell’azienda, a partire dall’arrivo in sede dei lavoratori. Sono stati infatti predisposti percorsi differenziati per i diversi settori – produzione, magazzini e uffici – con tappetini decontaminanti e gel igienizzante in tutti gli accessi. Speciali check-point con telecamere termografiche consentono inoltre di misurare automaticamente la temperatura dei dipendenti.
Allo scopo di diminuire ulteriormente i contatti, gli orari di ingresso e uscita sono stati scaglionati, con intervalli di tempo di 20 minuti al cambio turno. Restano comunque in modalità smartworking tutte quelle attività che possono essere svolte a distanza, in particolare quelle degli uffici.
All’interno dei reparti produttivi, SCARPA® ha rivisto il layout delle postazioni di lavoro con una serie di interventi quali l’installazione di pannelli di plexiglass, l’allungamento di 6 metri delle manovie del climbing e il riposizionamento delle macchine per la spazzolatura e la smerigliatura, in modo da garantire ovunque il rispetto delle distanze di sicurezza.
L’azienda inoltre fornisce giornalmente ai dipendenti i dispositivi di protezione individuale (mascherine e guanti), e provvede regolarmente alla pulizia e sanificazione di tutti gli ambienti. Una specifica procedura, infine, è stata predisposta nell‘eventualità che un lavoratore accusi sintomi sospetti, per soccorrerlo e salvaguardare la salute degli altri dipendenti.
“Da tempo il nostro marchio rappresenta un esempio di eccellenza nella produzione di calzature tecniche per la montagna; ora vogliamo esserlo anche nella tutela della salute dei nostri lavoratori, garantendo a tutti di poter riprendere il lavoro in serenità,” dichiara Diego Bolzonello, amministratore delegato di SCARPA®. “Questa prima settimana è stata incoraggiante e il merito va proprio alla nostra squadra, che ha dimostrato grande disponibilità nell’attenersi alle regole e ha lavorato insieme per far sì che tutto funzionasse al meglio. Questa riorganizzazione ci sta costringendo a guardare le cose sotto una luce nuova: stiamo imparando lezioni che credo ci serviranno anche in futuro, quando l’emergenza sanitaria sarà risolta.”

]]>
6401
Magnesio liquido obbligatorio https://pareti.it/magnesio-liquido-obbligatorio/ Mon, 04 May 2020 11:29:26 +0000 https://pareti.it/?p=6216 Nelle sale, quando riapriranno. Il magnesio liquido sarà uno dei prodotti chiave della ripartenza verticale, sia outdoor che, soprattutto indoor. Tanto da essere considerato obbligatorio nelle sale d’arrampicata di tutta Italia quando sarà dato il via libera alla riapertura delle palestre. Ogni praticante dovrà avere il suo boccetto e usarlo spesso durante una seduta, anche […]]]>

Nelle sale, quando riapriranno.

Il magnesio liquido sarà uno dei prodotti chiave della ripartenza verticale, sia outdoor che, soprattutto indoor. Tanto da essere considerato obbligatorio nelle sale d’arrampicata di tutta Italia quando sarà dato il via libera alla riapertura delle palestre. Ogni praticante dovrà avere il suo boccetto e usarlo spesso durante una seduta, anche se magari in via non esclusiva. La ragione è semplice: l’alcool, in soluzione molto concentrata, uccide il Covid ed è quindi un igienizzante ideale per una attività che necessariamente richiede di toccare in modo ripetuto le stesse cose, cioè le prese.

Le controindicazioni all’utilizzo seriale del magnesio liquido sono essenzialmente tre:  A) il prezzo, destinato a salire non tanto per le dinamiche del mercato dell’arrampicata, quanto per la crescita del fabbisogno mondiale di alcool che l’ha reso improvvisamente un bene molto prezioso; B) l’azione sulla pelle delle mani, che dall’alcool viene resa più secca del normale con la tendenza a produrre calli e piaghe se non correttamente idratata e cartavetrata; C) il sovraccarico di magnesite sugli appigli, derivante dalla quantità superiore alla norma di prodotto che viene rilasciato sulle prese al primo tentativo su un boulder dopo essersi applicati la soluzione liquida. 

Le nostre raccomandazioni a riguardo sono: comprate possibilmente prodotti commercializzati da italiani e qui vi consigliamo un paio di prodotti con alta concentrazione alcoolica.

Bagnate spesso le mani con acqua per mantenerle idratate.

Spazzolate le prese con frequenza superiore alla norma, ma se sarete in una sala aperta al pubblico svolgete questa operazione con mascherina. 

Ecco due prodotti con forte concentrazione alcoolica, commercializzati da aziende italiane il Doc Mag di www.Docrock.it e il Liquid Chalker, distribuito da Kinobi  www.kinobi.it

]]>
6216
Dalla Francia magnesite e prodotti antivirus? https://pareti.it/dalla-francia-magnesite-e-prodotti-antivirus/ Wed, 22 Apr 2020 09:00:22 +0000 https://pareti.it/?p=5894 Un possibile aiuto alla riapertura delle sale C’è una ditta francese che si chiama Myleore che propone al mercato verticale un set di prodotti molto interessanti, stando almeno alle schede tecniche. Si parte dalla semplice magnesite, che la ditta dichiara di ugual resa rispetto a quelle normalmente usate dai climbers, ma “alimentare”, quindi del tutto […]]]>

Un possibile aiuto alla riapertura delle sale

C’è una ditta francese che si chiama Myleore che propone al mercato verticale un set di prodotti molto interessanti, stando almeno alle schede tecniche. Si parte dalla semplice magnesite, che la ditta dichiara di ugual resa rispetto a quelle normalmente usate dai climbers, ma “alimentare”, quindi del tutto non dannosa in caso di ingestione. Questo c’entra poco col virus, ma è comunque interessante. Per l’emergenza, invece, l’azienda propone una magnesite liquida “in cui l’alcool utilizzato per realizzare la sospensione cremosa è anche un alcool di altissima purezza, che soddisfa i requisiti della farmacopea, anzi è uno dei due alcool consigliati dall’OMS per la produzione di gel idroalcolico. È di grado farmaceutico e puro al 99,8%. L’applicazione della crema disinfetta immediatamente le mani.”

Ma non è finita: uno dei principali nodi che dovranno affrontare le sale d’arrampicata sarà quello dell’igienizzazione dei materassi e delle prese. Anche in falesia, potenzialmente, potrebbe sussistere un problema simile anche se lo spazio è aperto. Ecco cosa dicono dalla Myleore: “Parallelamente, abbiamo sviluppato uno spray disinfettante per le prese che offriremo non appena il confinamento sarà terminato per permettere a tutti gli arrampicatori di tornare alla loro attività preferita in completa sicurezza.”

Attenzione: questo non è un articolo sponsorizzato, è il frutto della segnalazione di un nostro lettore italiano. Ecco il link alla pagina FB dell’azienda francese, se son rose fioriranno.

]]>
5894
Allenarsi con Jakob Schubert https://pareti.it/un-allenamento-con-jakob-schubert/ Wed, 15 Apr 2020 11:11:28 +0000 https://pareti.it/?p=5810 Con il super trave Mammut Tutte le aziende, chi in una forma e chi in un altra, hanno prodotto interessante materiale per resistere meglio alla reclusione/isolamento di questi lunghi giorni tutti uguali. Mammut non è stata da meno, schierando la sua punta di diamante per le competizioni e la sportiva Jakob Schubert. Che in questo […]]]>

Con il super trave Mammut

Tutte le aziende, chi in una forma e chi in un altra, hanno prodotto interessante materiale per resistere meglio alla reclusione/isolamento di questi lunghi giorni tutti uguali. Mammut non è stata da meno, schierando la sua punta di diamante per le competizioni e la sportiva Jakob Schubert. Che in questo breve articolo suggerisce un buon modo per sfruttare al meglio qualsiasi trave, anche meno professionale di questo firmato Mammut.

Per prima cosa: un buon riscaldamento è essenziale prima di ogni esercizio. Inoltre, durante l’allenamento, si deve sempre ascoltare il proprio corpo. Se ci accorgiamo che lo sforzo dovuto dall’esercizio diventa troppo intenso, bisogna rilassarsi o fermarsi, per evitare lesioni.

1) Allenamento ABC – per la resistenza della forza.

Questo esercizio è adatto a persone ambiziose come me, perché ti permette di “competere” con te stesso, superando i tuoi limiti e raggiungendo prestazioni migliori. L’allenamento ABC funziona come segue. 

Ogni lettera è composta dagli stessi tre esercizi, con transizioni fluide tra un movimento e l’altro:

1. Tirati su – torna nella posizione con le braccia allungate – mantieni la posizione a 120 gradi per sette secondi (= A1)

2. Mettiti di nuovo in posizione con le braccia allungate – tirati su verso l’alto – mettiti di nuovo in posizione con le braccia allungate – mantieni la posizione a 90 gradi per sette secondi (= A2)

3. Mettiti di nuovo in posizione con le braccia allungate – tirati su – mettiti di nuovo in posizione con le braccia allungate – tirati su e mantieni la posizione per 7 secondi – mettiti di nuovo in posizione con le braccia allungate (= A3)

Ora la lettera A dell’allenamento è completata e lo step B sta per iniziare. L’esercizio si chiama allenamento ABC, quindi dopo lo step C l’esercizio sarebbe completato. Ma l’alfabeto arriva fino alla lettera Z! Quindi non c’è (quasi) nessun limite all’allenamento.

Suggerimento extra: se si desidera potenziare contemporaneamente anche le dita, è possibile eseguire l’esercizio su prese o appigli più difficili, a seconda delle preferenze personali.

2) Piramide pull-up – per allenare la resistenza.

La piramide di 10 è un grande classico per la resistenza e funziona come segue:

1 tirati su – pausa –2 tirati su – pausa – 3 tirati su – pausa – 4 tirati su …

… Il principio probabilmente è facile da capire. Va avanti sempre uguale fino a raggiungere 10 volte “tirarsi su”. Ma l’esercizio non finisce qui. Ci sarà un’altra breve pausa e poi si continuerà con …

… 9 tirati su – pausa – 8 tirati su – pausa – 7 tirati su … fino a 1.

Grazie agli strumenti digitali, è possibile allenarsi insieme anche in tempi di #stayhomenow e l’esercizio è molto divertente da fare con gli amici, che possono stimolarti a spingerti oltre i tuoi limiti. 

3) Esercizio classico per potenziare le dita – per la massima forza e resistenza. 

Anche la forza deve essere allenata per ottenere il massimo delle performance. Questo risultato si ottiene grazie al principio 4x4x3:

4 secondi appesi sulla barra con un solo braccio – 10 secondi di pausa. Il tutto viene ripetuto quattro volte. 

Successivamente c’è una pausa di due minuti prima che la serie venga ripetuta. Complessivamente l’esercizio prevede tre serie, e, successivamente, può essere eseguito con altri tipi di prese. Ma si può anche concedersi una pausa per un momento.

Suggerimento extra: questo è un esercizio per potenziare al massimo la forza, quindi scegli una presa con la quale puoi spingerti al tuo limite. Gli atleti esperti possono anche utilizzare dei pesi aggiuntivi per rendere l’esercizio ancora più impegnativo. 

Divertitevi con l’allenamento, 

il vostro Jakob.

]]>
5810
La Sportiva presenta la prima mascherina sportiva https://pareti.it/la-sportiva-presenta-la-prima-mascherina-sportiva/ Fri, 10 Apr 2020 09:12:08 +0000 https://pareti.it/?p=5754 Si chiama Stratos Mask e sarà in produzione permanente Lo aveva annunciato Lorenzo Delladio presentando due settimane fa il progetto di riconversione di una parte del sito produttivo di Ziano di Fiemme allo scopo di produrre mascherine chirurgiche per la Protezione Civile di Trento: “Stiamo cercando di proporre soluzioni innovative anche in questo campo per risolvere principalmente […]]]>

Si chiama Stratos Mask e sarà in produzione permanente

Lo aveva annunciato Lorenzo Delladio presentando due settimane fa il progetto di riconversione di una parte del sito produttivo di Ziano di Fiemme allo scopo di produrre mascherine chirurgiche per la Protezione Civile di Trento: “Stiamo cercando di proporre soluzioni innovative anche in questo campo per risolvere principalmente un problema sino ad ora sottovalutato, ovvero quello dell’impatto ambientale causato dalle attuali mascherine monouso oggi in commercio”. La sfida è stata lanciata proprio da Delladio al suo reparto di Ricerca e Sviluppo: trovare una soluzione che aumenti il comfort e l’ergonomia di un prodotto che saremo tutti costretti ad indossare per lunghi periodi, dando la possibilità di sostituire unicamente l’elemento filtrante e quindi di riutilizzare il prodotto nella nuova quotidianità che tutti noi ci troveremo a vivere nella seconda fase dell’emergenza da COVID19.

Si chiama Stratos Mask la nuova mascherina igienica sportiva di protezione generica realizzata in tessuto con filtro interno intercambiabile e facilmente sostituibile. E’ un prodotto lavabile, riutilizzabile e comodo da indossare grazie ad una perfetta ergonomia studiata per fasciare il volto in maniera sicura e confortevole. La messa a punto è avvenuta nell’ultima settimana grazie ai primi prototipi realizzati a partire dai tessuti tecnici della linea abbigliamento La Sportiva. Terminata la fase di collaudo l’azienda ha già 

provveduto a depositare la domanda di brevetto e valuterà in una seconda fase se precedere con la domanda di certificazione sanitaria, al momento Stratos Mask è a tutti gli effetti una mascherina igienica di protezione generica perfettamente utilizzabile per praticare sport quando i decreti lo permetteranno a fine emergenza. 

“Fino ad oggi giustamente le mascherine avevano principalmente il ruolo di proteggerci in una fase di emergenza e l’attenzione ad elementi quali comfort ed impatto ambientale era stata messa in secondo piano. In azienda abbiamo però iniziato a ragionare sul lungo periodo, cercando di limitare il più possibile gli sprechi a favore dell’ambiente– dice Delladio – e pensando alla praticità di utilizzo continuativo di un oggetto che entrerà nella nostra quotidianità. Ne è uscita una soluzione molto smart, che permetterà ad ognuno in maniera semplice e veloce di rimuovere e sostituire autonomamente il filtro accessorio interno, lavare la mascherina e tornare a re-indossarla in tutta sicurezza”. 

Ulteriori informazioni circa le modalità di commercializzazione saranno disponibili nelle prossime settimane. Nel frattempo l’azienda conferma che al momento della ripresa della normale attività, la produzione di mascherine sia chirurgiche sia generiche sportive si affiancherà a quella delle scarpette outdoor e scarponi da montagna per le quali il marchio La Sportiva è conosciuto in tutto il mondo. 

]]>
5754
Le Guide di Grivel parlano del mestiere dopo il Covid https://pareti.it/le-guide-di-grivel-parlano-del-mestiere-dopo-il-covid/ Wed, 08 Apr 2020 12:56:25 +0000 https://pareti.it/?p=5744 Un interessante dibattito a distanza sul come sarà il post emergenza. Oliviero Gobbi, Ceo di Grivel, ha ereditato dal padre Gioacchino un interesse profondo non solo per l’editoria da leggere, ma anche da fare, da produrre, proprio da scrivere. Se Gioacchino aveva e ha tuttora una estrema passione per la storia, per il passato e […]]]>

Un interessante dibattito a distanza sul come sarà il post emergenza.

Oliviero Gobbi, Ceo di Grivel, ha ereditato dal padre Gioacchino un interesse profondo non solo per l’editoria da leggere, ma anche da fare, da produrre, proprio da scrivere. Se Gioacchino aveva e ha tuttora una estrema passione per la storia, per il passato e per l’evoluzione dei prodotti e delle forme di comunicazione ad essi relativi, ad Oliviero interessa molto il presente, anzi in questo caso il prossimo futuro, cioè cosa succederà dopo l’emergenza Covid dalla quale si intravede qualche via d’uscita. Il legame di Grivel con Guide di altissimo livello è storico e proprio ad alcune di loro, legate al marchio e di diversa nazionalità, Oliviero ha posto alcuni interessanti quesiti sottoforma di intervista. Partecipano al forum:

Anna Torretta, Coumayeur – Italia, 49 anni, guida alpina dal 2000, prima ed unica donna della Società delle Guide Alpine di Courmayeur.

Damien Tomasi, Chamonix – Francia, 33 anni, guida alpina dal 2011, membro della Società delle Guide di Chamonix e professore all’ENSA (Ecole Nationale Ski et Alpinisme).

François Cazzanelli, Cervinia – Italia, 30 anni, guida alpina dal 2012, membro della Società delle Guide del Cervino.

Hans Zloebl, Lienz – Austria, 54 anni, guida alpina dal 1991 pilota di elicotteri.

Tomas Roy Aguilò, El Chalten – Argentina, 36 anni, guida alpina dal 2007

Ecco il link alla tavola rotonda virtuale

]]>
5744