Il nuovo numero – Pareti Climbing Magazine https://pareti.it Alpinismo, Climbing, Bouldering Sat, 28 Mar 2020 15:18:52 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=5.5.3 139195174 Pareti 133 anche online https://pareti.it/pareti-133-anche-online/ Sat, 28 Mar 2020 15:18:50 +0000 https://pareti.it/?p=5618 Una combinazione digitale + carta = 5€ Da più parti ci è stata richiesta una versione online del numero appena uscito della rivista Pareti. Ci sono climbers italiani bloccati all’estero, climbers italiani bloccati all’interno del proprio comune dove magari non ci sono edicole aperte, altri ancora bloccati provvisoriamente presso domiciliazioni temporanee. Per queste persone abbiamo […]]]>

Una combinazione digitale + carta = 5€

Da più parti ci è stata richiesta una versione online del numero appena uscito della rivista Pareti. Ci sono climbers italiani bloccati all’estero, climbers italiani bloccati all’interno del proprio comune dove magari non ci sono edicole aperte, altri ancora bloccati provvisoriamente presso domiciliazioni temporanee. Per queste persone abbiamo pensato di mettere una versione online a metà prezzo. I testi, una volta zoomati, si leggono decentemente, ma l’esperienza complessiva è secondo noi di livello basso. Per questo abbiamo deciso, nell’eventualità che acquistiate questa versione online a 2,50€, di spedire al vostro indirizzo una copia cartacea, quando sarete tornati a casa, al prezzo corrispondente alla metà mancante del primo acquisto, cioè 2,50 €. Come controprova basterà inviare a pareti@pareti.it lo screenshot dell’avvenuto pagamento con carta della versione online (vedi foto sotto).

Stay strong, stay vertical!

Ecco il link

Stay strong, stay vertical!

Ecco il link

]]>
5618
Pareti 131 https://pareti.it/pareti-131/ Fri, 25 Oct 2019 13:19:22 +0000 https://pareti.it/?p=4713 Il numero autunnale 2019 Il numero autunnale 2019 è un po’ speciale, perchè ha un contenuto esclusivo: l’intera guida della Valle dell’Opol, con tutti i settori e tutte le vie fotografati dal drone. Ma non mancano contenuti più classici quali interviste, rubriche e tre viaggi verticali molto particolari in Laos, in Mali e nei Paesi […]]]>

Il numero autunnale 2019

Il numero autunnale 2019 è un po’ speciale, perchè ha un contenuto esclusivo: l’intera guida della Valle dell’Opol, con tutti i settori e tutte le vie fotografati dal drone. Ma non mancano contenuti più classici quali interviste, rubriche e tre viaggi verticali molto particolari in Laos, in Mali e nei Paesi Baschi. Foto e pezzo di gran livello sul trad nella Tuscia a firma Nardi/Ravassard. Per gli alpinisti ecco invece la Cristalliera e la bella storia della più dura linea della Meja, tutte in Piemonte.

Editoriale: l’appropriazione (indebita?) della montagna da parte dei potenti, e i climbers che stanno a guardare.

Trip: Laos e Mali

Alpinismo: Cristalliera

Sportiva: La guida completa della Valle dell’Opol

Fisio Rock: Tallonata gioie e dolori

Bouldering: Jalzkibel

Trad: Vitorchiano in Tuscia

Interviste: Luca Malosti, Nicolò Balducci, Laura Rogora

Prove: SCARPA Furia Air, CAMP Hyper Jacket, CT Airloop

News: Rogora vicecampionessa europea

]]>
4713
Pareti 129 è in edicola! https://pareti.it/pareti-129-e-in-edicola/ Thu, 20 Jun 2019 13:03:04 +0000 https://pareti.it/?p=4102 Il numero di giugno Nel terzo numero dell’anno presentiamo un angolo di Dolomiti nascosto ma accessibile e ben servito dal Rif. Bergamo, le Dolomiti di Tires, una vera chicca per gli appassionati della dolomia più bella del mondo. Poi, grande bouldering in Basilicata accompagnati da Niccolò Ceria, cui è dedicata anche la copertina (a Ceriola); […]]]>

Il numero di giugno

Nel terzo numero dell’anno presentiamo un angolo di Dolomiti nascosto ma accessibile e ben servito dal Rif. Bergamo, le Dolomiti di Tires, una vera chicca per gli appassionati della dolomia più bella del mondo. Poi, grande bouldering in Basilicata accompagnati da Niccolò Ceria, cui è dedicata anche la copertina (a Ceriola); Marzio Nardi intervista Luca Andreozzi dopo il suo primo 9a. Enrico Bonino ci porta invece attraverso la sua nuova via sulle Jorasses; direttamente dalla redazione, invece, una selezione di pareti statunitensi meno conosciute ma speciali e una selezione di falesie del profondo nord: Acherli, Agaro Fall, Juval. C’è una intervista a Jessica Pilz, la più grande avversdaria di Janja Garnbret alle Olimpiadi e a Caterina Bassi, italiana da 8a trad. Poi, per il No Big, la succosa novità di Lemie, presentata da Andrea Bosticco.

Editoriale: tra swipe e like, navigando in una informazione verticale così bisognosa dei cari vecchi filtri.

Trip: U.S.A

Alpinismo: Le Dolomiti di Tires

Alpinismo: Le Jorasses di Enrico Bonino

Sportiva: Agaro Fall, Juval, Acherli

Trad: Caterina Bassi, Turkey Crack e non solo…

Intervista: Jessica Pilz

Fisio Rock: la tendinosi

NO BIG: Lemie

NO BIG Clinics: La memorizzazione

]]>
4102
Pareti 128 https://pareti.it/pareti-128/ Wed, 01 May 2019 10:08:44 +0000 https://pareti.it/?p=3790 in edicola Nel secondo numero dell’anno presentiamo il primo articolo MONDIALE sulla scalata in Mongolia, molto più accessibile ed economico di quanto si possa pensare; poi ci sono tutte le nuove falesie di Sassari, una più bella dell’altra e la chicca ticinese di Linescio, davvero quasi da locals per i milanesi: Egon Bernasconi ce ne svela gradi e caratteristiche. Poi […]]]>

in edicola

Nel secondo numero dell’anno presentiamo il primo articolo MONDIALE sulla scalata in Mongolia, molto più accessibile ed economico di quanto si possa pensare; poi ci sono tutte le nuove falesie di Sassari, una più bella dell’altra e la chicca ticinese di Linescio, davvero quasi da locals per i milanesi: Egon Bernasconi ce ne svela gradi e caratteristiche. Poi ancora un po’ di plastica, come promesso, con Stasa Gejo e due succose interviste a due superesperti: Marco Erspamer e Roberto Bagnoli. Iniziamo poi una nuova collaborazione con FisioRock, che ci aiuterà ed entrare nelle pieghe della fisioterapia applicata all’arrampicata con tanti consigli e argomenti trattati con cura. E poi c’è Jacopo Larcher con Tribe, la più dura trad del mondo!

Editoriale: Auer, Lama, Ballard, Nardi… una riflessione sull’alpinismo di chi sta davvero in giro

Trip: Mongolia

Sportiva: Le falesie di Sassari.

Trad: Tribe, presentata da Jacopo Larcher

Sportiva: Linescio

Intervista: Gejo, Bagnoli, Erspamer

Fisio Rock: quando fermarsi?

]]>
3790
Pareti 127 https://pareti.it/pareti-127/ Tue, 05 Mar 2019 08:56:56 +0000 https://pareti.it/?p=3399 Ventitreesimo anno di pubblicazioni Ventitreesimo anno di Pareti, come sempre una bella storia.  Anno che abbiamo voluto iniziare con una leggera rivisitazione grafica, diciamo una rinfrescata, mantenendo però intatta la struttura e la filosofia perché, come diceva Ferruccio Valcareggi, squadra che vince non si cambia. Dal punto di vista contenutistico c’è una piccola svolta, legata […]]]>

Ventitreesimo anno di pubblicazioni

Ventitreesimo anno di Pareti, come sempre una bella storia. 

Anno che abbiamo voluto iniziare con una leggera rivisitazione grafica, diciamo una rinfrescata, mantenendo però intatta la struttura e la filosofia perché, come diceva Ferruccio Valcareggi, squadra che vince non si cambia.

Dal punto di vista contenutistico c’è una piccola svolta, legata alla considerazione che si fa anche nell’editoriale: il mondo indoor sta superando numericamente (ma non nel sugo) quello outdoor; e quindi è giusto che ci sia qualche attenzione in più a chi si muove tanto sulla plastica e meno sulla roccia, anche in prospettiva olimpica. In questo e nei prossimi numeri troverete qualche pezzo in più della norma dedicato a plastica-gare e dintorni. Ma senza esagerare, perchè…. Let it rock!

]]>
3399
Il numero 125! https://pareti.it/il-numero-125/ https://pareti.it/il-numero-125/#respond Mon, 22 Oct 2018 15:43:38 +0000 http://pareti.it/?p=2231 ll Numero 125 di Pareti Climbing Magazine è in edicola in tutta Italia ed è stato spedito agli abbonati . La copertina è dedicata a Jacopo Larcher, ormai quasi più alpinista che climber, ma con un livello tale da approcciare qualsiasi big wall con buona certezza di passare in libera e in coppia, perchè la […]]]>

ll Numero 125 di Pareti Climbing Magazine è in edicola in tutta Italia ed è stato spedito agli abbonati . La copertina è dedicata a Jacopo Larcher, ormai quasi più alpinista che climber, ma con un livello tale da approcciare qualsiasi big wall con buona certezza di passare in libera e in coppia, perchè la sua compagna Barbara Zangerl non è certo da meno. All’interno una breve intervista con foto di Paolo Sartori. Ci sono poi l’Albania , presentata dal gruppo di Jimmy Palermo, le falesie caucasiche della Georgia (inedito mondiale!), i Munro del Ben Nevis in veste NO BIG e il Ciavazes e le sue più recenti vie sportive. Tante belle cose anche per il bouldering, con la Toscana (Regole) e con Balme e Martassina (queste in Piemonte). Ancora NO BIG con Premia! Il prezzo rimarrà ancora per tutto il 2018 ancorato agli storici 5 euro. Enjoy!

]]>
https://pareti.it/il-numero-125/feed/ 0 2231
Pareti 122 è in edicola https://pareti.it/pareti-122-e-in-edicola-2/ https://pareti.it/pareti-122-e-in-edicola-2/#respond Fri, 18 May 2018 07:40:40 +0000 http://pareti.it/?p=1712 Il Numero 122 di Pareti Climbing Magazine è in edicola in tutta Italia ed è stato spedito agli abbonati da una settimana. La copertina è dedicata al fenomeno del momento Jernej Kruder, leader di coppa del mondo boulder, cui è dedicata una lunga intervista che solo in parte riguarda la plastica e le gare; non […]]]>

Il Numero 122 di Pareti Climbing Magazine è in edicola in tutta Italia ed è stato spedito agli abbonati da una settimana. La copertina è dedicata al fenomeno del momento Jernej Kruder, leader di coppa del mondo boulder, cui è dedicata una lunga intervista che solo in parte riguarda la plastica e le gare; non per niente in copertina Jernej è impegnato a piazzare un friend a Yosemite. Ci sono anche la Cueva di Collepardo, presentata da Roberto Podio, la falesia di Kanzianiberg in Carinzia, le novità di Ulassai in Sardegna, una lunga intervista a Lorenzo Puri, uno dei più forti boulderisti non di competizione del nostro paese e la prima uscita alpinistica su roccia di quest’anno con il bellissimo Naso di Tredenus, del quale presentiamo le vie moderne miste a fix e chiodi. Non manca il NO BIG con la falesia Sebino e il ritorno di Kelios Bonetti, Doctor Patologia Arrampicatoria, con un articolo sulle spine ossee. Notevole poi il pezzo di Marzio Nardi sul nuovo trad della Valle dell’Orco, con alcune falesie completamente inedite. Il prezzo rimarrà ancora per tutto il 2018 ancorato agli storici 5 euro. Enjoy!

]]>
https://pareti.it/pareti-122-e-in-edicola-2/feed/ 0 1712
Pareti 121, la presentazione https://pareti.it/pareti-121-la-presentazione/ https://pareti.it/pareti-121-la-presentazione/#respond Tue, 27 Mar 2018 10:23:36 +0000 http://pareti.it/?p=1456 Siamo entrati nel ventiduesimo anno di pubblicazioni. Ventidue anni di Pareti, 8000 giorni circa di evoluzione dell’alpinismo e dell’arrampicata, dei gusti e delle abitudini di un popolo in via di drammatica espansione (anche) per colpa nostra. Di questo si parla nell’editoriale, soprattutto, e si respira comunque all’interno di un numero dove “giovani” come Larcher e Barbara Zangerl […]]]>

Siamo entrati nel ventiduesimo anno di pubblicazioni. Ventidue anni di Pareti, 8000 giorni circa di evoluzione dell’alpinismo e dell’arrampicata, dei gusti e delle abitudini di un popolo in via di drammatica espansione (anche) per colpa nostra. Di questo si parla nell’editoriale, soprattutto, e si respira comunque all’interno di un numero dove “giovani” come Larcher e Barbara Zangerl si alternano a “vecchi” come Bernd Zangerl e Thomas Huber. gente che ha attraversato tutti questi 22 anni verticali insieme a noi e gente che ne ha vissuta solo una parte perchè oggettivamente troppo giovani.

Poi c’è il megatrip di Altiplano, opera sontuosa e progetto di vita di Pirmin Bertle, che scala sul 9b ma fa fotografie già da 10a; il numero 121 andrebbe collezionato anche solo per le foto contenute in questo lungo articolo in cui la sola cosa che manca sono gli odori, perchè il vento lo si intuisce già attraverso le immagini.

Caramanico Terme è una falesia interessantissima e poco conosciuta che vi invitiamo caldamente a visitare, così come Villanuova sul Clisi, meno bella e più usa e getta, ma con una qualità di roccia eccellente.

Poi, a cavallo tra bouldering e corda, la riscoperta dei massi della Valle Gesso trent’anni dopo il lavoro di Giovannino Massari. Alessandro penna e Claudia Colonia ci guidano in questo mondo alpino di vie cortissime ma estremamente interessanti.

infine, last but not least, il no big di Norma, opera magna di Armando Onorati, finestra stupenda sulla piana pontina, assolutamente da non mancare. … e Roccamorice, bella al contrario, anzi che balla al contrario, dalle profondità dei suoi buchi selvaggiamente scavati per ricavare artificialmente dei brutti sesti gradi. Chepurtroppo piacciono a chi noin ha altri punti di riferimento.

Buona lettura e buon 2018

Andrea Gennari Daneri

ps: per vedere il colophon con i contenuti cliccate qui

]]>
https://pareti.it/pareti-121-la-presentazione/feed/ 0 1456
Pareti 120 la presentazione https://pareti.it/il-nuovo-pareti-it-2/ https://pareti.it/il-nuovo-pareti-it-2/#respond Sun, 10 Dec 2017 14:29:04 +0000 http://pareti.it/?p=632 Il modo più facile e indolore per scrivere l’editoriale di un bimestrale è prendere il sommario e metterlo in prosa. Non fai arrabbiare nessuno, non ispiri querele, vai via fluido, tanto fluido che al terzo numero di seguito che fai così… non ti si fila più nessuno, e a buon diritto.  Io, in 20 anni […]]]>

Il modo più facile e indolore per scrivere l’editoriale di un bimestrale è prendere il sommario e metterlo in prosa. Non fai arrabbiare nessuno, non ispiri querele, vai via fluido, tanto fluido che al terzo numero di seguito che fai così… non ti si fila più nessuno, e a buon diritto.  Io, in 20 anni da che esiste la rivista, sei cose da dire in un anno ce le ho sempre avute e quindi non ho mai potuto prendermi gusto di presentare il mio lavoro. Ora il Web da la possibilità di prendersi il tempo di proporre editoriali infiniti, volendo. E io, per una volta, mi tolgo lo sfizio di presentare il numero 120.

Avete mai visto dal vivo Angela Eiterr? Avete mai provato ad alzare un braccio vicino al suo e misurare quanto le manca alla vostra capacità di allungamento? Basterebbe questo a rendere incredibile e immortale quello che è riuscita a fare sul primo 9b femminile della storia. Che “moralmente” vale secondo noi quanto il 9c di Ondra.

Non raccontiamoci balle, nel grado di una via, qualsiasi via, non c’è solo la precarietà dei posizionamenti o la dimensione delle prese, a contare. In uno stretch di 40 m di 9b ci sono lanci, vera distanza da coprire da braccio a braccio. Non dico altro. per cui è stato particolarmente bello farsi raccontare da Angela della “Planta de Shiva”.

Voglio anche parlarvi di Balvano, un posto davvero sperduto in mezzo alla Basilicata, che Graziano Montel e Marco Lucarelli sono riusciti a trasformare in un capolavoro etico. In uno sforzo così importante come chiodare una parete tanto strapiombante come quella… qualunque chiodatore medio si sarebbe lasciato prendere la mano dalla tentazione di poter scalare anche lui quelle fantastiche linee che stava così faticosamente preparando. Invece no, Graziano e Marcoo hanno lasciato tutto intatto e in open project, al massimo concedendo a se stessi e agli altri umani il posizionamento di una catena intermedia per rendere scalabile, ma con mezzi naturali, almeno un po’ di quelle linee futuristiche. Un esempio da imitare.

Ci sono poi tante altre cose, nel numero, dal ghiaccio al bouldering, ma questi due secondo me sono gli highlight di questo 120 che spero vi piacerà. Ah dimenticavo: per controbilanciare la durezza di Balvano, abbiamo pensato di proporvi un lungo articolo no big a Bismantova. Bel posto, bei panorami, due ristoranti a pochi passi dalle vie e, almeno su quelle no big, nessuno scavo, una rarità sulla arenaria emiliana.

Andrea Gennari Daneri

]]>
https://pareti.it/il-nuovo-pareti-it-2/feed/ 0 632
Pareti 120, la presentazione https://pareti.it/il-nuovo-pareti-it/ https://pareti.it/il-nuovo-pareti-it/#respond Sun, 10 Dec 2017 11:06:48 +0000 http://pareti.it/?p=542   Facevano sei numeri all’anno, esattamente come Pareti. Ce le avrai sei cose da dire in un anno, io dico. Invece no. Non avendo granché  da dire, Lei prendeva il sommario e lo recitava nell’editoriale. Il modo più comodo e indolore per (non) svolgere il ruolo di direttore di una rivista. Io, in 20 anni […]]]>

 

Facevano sei numeri all’anno, esattamente come Pareti. Ce le avrai sei cose da dire in un anno, io dico. Invece no. Non avendo granché  da dire, Lei prendeva il sommario e lo recitava nell’editoriale. Il modo più comodo e indolore per (non) svolgere il ruolo di direttore di una rivista.

Io, in 20 anni da che esiste la rivista, sei cose da dire in un anno ce le ho sempre avute e quindi non ho mai potuto prendermi gusto di presentare il mio lavoro. Ora il Web da la possibilità di prendersi il tempo di proporre editoriali infiniti, volendo. E così, stavolta, eccomi a presentare il numero 120.

Avete mai visto dal vivo Angela Eiter? Avete mai provato ad alzare un braccio vicino al suo e misurare quanto le manca alla vostra capacità di allungamento? Basterebbe questo a rendere incredibile e immortale quello che è riuscita a fare sul primo 9b femminile della storia.

Non raccontiamoci balle: nel grado di una via, qualsiasi via, non c’è solo la precarietà dei posizionamenti o la dimensione delle prese. In uno stretch di 40 m, per raggiungere un grado  così alto ci devono essere dei lanci, della vera distanza da coprire da braccio a braccio. Non dico altro. Grande Angela

Voglio anche parlarvi di Balvano, un posto davvero sperduto in mezzo alla Basilicata, che Graziano Montel e Marco Lucarelli sono riusciti a trasformare in un capolavoro etico. In uno sforzo così importante come chiodare una parete  tanto strapiombante come quella, qualunque chiodatore medio si sarebbe lasciato prendere la mano dalla tentazione di poter scalare anche lui quelle fantastiche linee che stava così faticosamente aprendo. Invece no, Graziano e Marco hanno lasciato tutto intatto e in open project, al massimo concedendo a se stessi e agli altri umani il posizionamento di una catena intermedia per rendere scalabile, ma sempre con mezzi naturali, almeno un po’ di quelle linee futuristiche. Un esempio da imitare.

Ci sono poi tante altre cose, nel numero, dal ghiaccio al bouldering ma questi due secondo me sono gli highlight di questo 120º numero che spero vi piacerà. Ah dimenticavo: per controbilanciare la durezza di Balvano, abbiamo pensato di proporvi un lungo articolo no big su Bismantova. Bel posto, bei panorami, due ristoranti a pochi passi dalle vie e, almeno su quelle, nessuno scavo, una rarità sulla arenaria emiliana.

.   Andrea Gennari Daneri

]]>
https://pareti.it/il-nuovo-pareti-it/feed/ 0 542