Carnati rilibera la Grotta Ondra

“A present for the future” in Valle dell’Opol

Più di due anni di corteggiamento, non tanto per la difficoltà comunque molto alta della via, ma per la ripetuta rottura di appigli e appoggi chiave. Alla fine una gran bella storia di resistenza alla sfortuna, che ha portato Stefano Carnati a fare la prima ripetizione di “A present for the future” alla cosiddetta “Grotta Ondra”, nella parte alta della Valle dell’Opol. La linea, scoperta da Emanuele Maffeis e chiodata da Ivan Maghella con l’aiuto di Emanuele, era stata liberata da Adam Ondra nel 2010. Si tratta di un supertetto molto vicino a terra, tanto che nella prima parte è assai opportuno proteggersi anche con i crash. L’uscita in placca è più facile ma ancora impegnativa e, come dice Stefano, un po’ confusa in mezzo a linee chiodate successivamente. Il grado proposto da Ondra era 9a/+.

Ecco il report di Stefano:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi