Assurdo a pelle: il Cai Bergamo vuole battere il Guinnes di gente in montagna

Invasione programmata delle Orobie in Luglio

Il trucco è vecchio come il mondo: usare un simbolo accettabile e opposto a quello che farai veramente. In questo caso “salvare le montagne”. “Save the mountains”è infatti il motto/simbolo che il Cai di Bergamo si è inventato per mettere in piedi una botta di vita per i suoi 18 rifugi dislocati sulle Orobie: portare oltre 10.000 persone in contemporanea sulla montagna, battendo contestualmente un assurdo Guinnes dei primati, che per questo genere di cose non dovrebbe neanche esistere. Basterebbe Fantozzi per liquidare una iniziativa demenziale come questa, invece è tutto vero, succederà. La montagna incasserà, i rifugi incasseranno, l’ego dei promotori incasserà. Ma saranno tre tipi di incasso diverso e la montagna è la sola che non potrà commentare il bilancio finale.

L’assurdità di questa gradassata travestita da iniziativa educativa è riassunta dalle parole dello stesso promotore principale, il presidente del Cai di Bergamo Paolo Valoti, che in una recente intervista ha dichiarato: “sapete quante persone girano in una domenica estiva sui sentieri e tra i rifugi delle Orobie? Molte più di diecimila.”

E allora? Nemmeno Fantozzi riuscirebbe a commentare una affermazione del genere se non imponendo una mezz’ora di applausi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi