Mulero, il mago dell’aderenza, colpisce anche in Galles.

Mettiamola così: gli appigli che tiene Ondra si vedono, anche quando sono piccoli. Quelli che carica Mulero no, non si vedono proprio. Lavagne completamente lisce di granito appena appoggiato sui fianchi della Pedriza, fino a ieri lo scenario privilegiato di questo climber spagnolo che si autodefinisce “climber a tempo pieno”; che non è la stessa cosa di climber professionista. Stiamo insomma parlando del mago mondiale dell’aderenza estrema, talmente specializzato da riuscire a salire su muri dove più di un top climber da 9a non è riuscito nemmeno a staccare il secondo piede dal suolo. Il suo capolavoro sulla terra si chiama “Territorio Comanche” ed è valutata 8c+: un muro appena inclinato del settore “Hueso” alla Pedriza; ma il “Nacho”, come è comunemente conosciuto in Spagna, è anche un fortissimo boulderista e soprattutto un fuoriclasse trad. Nei giorni scorsi ha esportato la sua bravura in Galles, dove è tornato a provare “Meltdown”, sul Twll Mawr di Llanberis Pass. Si tratta di un 9a parzialmente attrezzato dal mitico Jonnhy Dawes e liberato da James Mc Haffie, unico ripetitore prima della salita di Mulero. Ignacio, dopo un paio di giri la volta precedente, ne ha fatti una ventina quest’anno, la maggior parte dei quali da solo e sul kroll, tanto che ha avuto il problema di trovare non solo un assicuratore ma anche di arrivare fisicamente sotto alla parete, dal momento che non ha mai preso la patente, considerandola tempo inutilmente sotratto alla scalata. Ricordiamo che i muri delle ex cave del Llanberis Pass sono costituiti di scivolosissima ardesia, il che rende assai difficile attribuire un grado, non essendoci nel mondo paragoni su gradi simili.

Let’s put it this way: the holds that Ondra can  pull… can be seen, even when they are small. Those who are pulled by Mulero no, you can’t see them at all. Whiteboards of completely smooth granite on the sides of Pedriza, until yesterday the privileged scenario of this Spanish climber who calls himself “full time climber”; that is not the same thing as a professional climber. So we are talking about the world magician of extreme grip, so specialized to be able to climb walls where more than one 9a top climber could not even detach the second foot from the ground. His masterpiece on earth is called “Territorio Comanche” and is graded 8c +: a barely inclined wall of the “Hueso” sector at Pedriza; but the “Nacho”, as it is commonly known in Spain, is also a very strong boulderist and above all a trade champion. In recent days he has exported his skills in Wales, where he returned to try “Meltdown” on the Twll Mawr of Llanberis Pass. It is a 9a partially equipped by the legendary Jonnhy Dawes and freed by James Mc Haffie, the only repeater before the ascent of Mulero. Ignacio, after a couple of laps the previous time, he has made about twenty this year, most of which alone and on the kroll, so that he had the problem of finding not only a belayer but also to get physically under the wall, since he never took the license, considering it unnecessarily time stolen to climb. Recall that the walls of the former quarries of the Llanberis Pass are made of very slippery slate, which makes it very difficult to attribute a grade, since there are no similar comparisons in the world.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: