Bernd Zangerl e l’allenamento in bilico

Bernd Zangerl e l’allenamento in bilico

Il grave e lunghissimo infortunio che ha tenuto lontano dalle scene Bernd Zangerl per così tanto tempo da temere di non poter più riprendere a scalare, ha portato l’austriaco ad esplorare tanti aspetti diversi del climbing oltre al classico e semplice “tirare”. In questo breve esempio a camera fissa che ha postato a riguardo di un “no hands” a Cresciano Bernd spiega in pochi secondi e senza tante parole cosa è possibile fare con un paio di buone scarpette, una vagonata di feeling e parecchio equilibrio. Certo… manca ancora una manatina volante alla parete da eliminare per considerare il blocco realizzato perfettamente no hands, ma il concetto passa comunque… Come giustamente dice un commentatore sul suo profilo instagram… una ventata d’aria fresca!

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: